Flop dell’Ipo di Facebook, arriva il rimborso del Nasdaq

Autorità e normativeAziendeMarketingMercati e FinanzaNormativaSocial media
Il debutto di Trivago in Borsa

Le società che sono state danneggiate dai problemi tecnici durante l’Ipo di Facebook, hanno una settimana di tempo per presentare domanda di risarcimento

UBS, Citigroup, Knight Capital e Citadel hanno messo di aver perso fino a 500 milioni di dollari, in tutto, a causa dei problemi tecnici durante l’Ipo di Facebook. L‘IPO di Facebook fu un fiasco, visto che il titolo debuttò a 38 dollari e poi crollò sotto i 26 dollari. Ma il flop dell’initial public offering è stato anche accompagnato da clamorosi errori tecnici, black-out compreso, della piattaforma del Nasdaq: il 18 maggio l’IPO avvenne con 30 minuti di ritardo, creando confusione fra gli operatori. Ora il Nasdaq ha annunciato che la Sec ha dato semaforo verde al piano di risarcimento.

Le società che sono state danneggiate durante l’Ipo di Facebook, hanno una settimana di tempo per presentare domanda di risarcimento.La Securities and Exchange Commission (Sec), la Consob americana, ha stabilito un piano di compensazione da 62 milioni di dollari, più dei 40 milioni offerti a giugno. Ma quanto offerto dal gruppo Nasdaq OMX alle società che hanno registrato perdite nello sbarco in borsa di Facebook lo scorso maggio,non sarebbe sufficiente per ripianare le perdite. La vittoria delle società di gestione delle borse alle prese con problemi tecnici, sarebbe dunque solo parziale.

Alcuni degli operatori aveva chiesto un risarcimento totale, e riamarranno delusi. È probabile che qualche operatore potrebbe intraprendere azioni legali per cercare di recuperare l’intera somma perduta. Nei mesi scorsi, Ubs e Citi avevano chiesto alla Sec di non accettare la proposta di Nasdaq. Ubs ha chiesto un arbitrato.

Dopo l’IPOcalypse, ci si domanda fino a quale limite si possa spingere per considerare responsabile una società di gestione di un mercato azionario per i problemi tecnici. Infatti nel contesto dominano gli scambi automatici ad alta velocità, e non è chiaro quale sia il limite. In base al piano, le società che sceglieranno il rimborso, non potranno adire alle vie legali in merito all’Ipo.

Ipo di Facebook, arriva il rimborso del Nasdaq @ shutterstock
Ipo di Facebook, arriva il rimborso del Nasdaq per i problemi tecnici
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore