Focus sull’Emea per Lenovo

AziendeMercati e Finanza

Milko van Duijl, presidente Emea di Lenovo, ribadisce le quattro priorità per il vecchio continente. Aspettando le Olimpiadi

3,4 milioni le unità vendute in Europa da Lenovo nell’ultimo anno fiscale. Un ottimo risultato per Milko van Duijl, presidente Emea di Lenovo che, a 52 giorni dalle Olimpiadi, ribadisce le priorità di business per la sua azienda nel Vecchio Continente: “Stiamo lavorando seguendo quattro obiettivi bene precisi: costruire realtà locali in grado di presidiare l’introduzione dei prodotti anche con la ricerca di nuovi business partner;migliorare la catena logistica, che nell’ultimo anno è cresciuta in performance del 35%, anche con l’apertura del nuovo stabilimento in Polonia; lavorare sulla riconoscibilità del brand, non certo noto come quello di CocaCola, grazie a sponsorizzazioni strategiche come la Formula 1 e i Giochi Olimpici; riportare il mercato dei desktop alla profittabilità con spinta su notebook, design dei prodotti, nuove workstation e in futuro sui server”.

vanduijl2_100.jpg

Milko va Duijl

Nell’ultimo quarter dell’anno fiscale, Lenovo globalmente è crescita del 21% in unità vendute (del 22% nell’intero anno fiscale) con un market share del 6,9%, in crescita di 0,3 punti, grazie a un significativo impegno in tutte le aree mondiali. “Per la prima volta l’Emea è cresciuta del 18% (fatturato pari a 3.606 milioni di dollari) più di quanto sia cresciuta l’America (+9,4% a fronte di un fatturato di 4.506 milioni ). Questo significa che in Europa stiamo lavorando nella giusta direzione, crescendo velocemente e focalizzandoci anche sui mercato emergenti”. A livello mondiale, il fatturato 2007/08 è stato pari a 16.352 milioni di dollari. Rimane alta l’attenzione sugli aspetti di design, sulla responsabilità sociale sul risparmio energetico.

Ibm, a tre anni dalla transazione, è per noi un ottimo partner, con il quale cooperiamo in diverse aree, sia per la tecnologia che per i servizi, anche in ambito finanziario”conclude van Duijl, che non nasconde l’apprezzamento anche per il mercato dei netbook: “Credo nelle potenzialità del mercato dei piccoli notebook, legati al mondo Linux”. Ma non scuce ulteriori dettagli in proposito.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore