Fondi comunitari dalla UE alle PMI

Autorità e normativeAziendeMarketingMercati e Finanza
Agenda Digitale UE

Per superare gli ostacoli al credito, la UE semplifica il sistema dei fondi comunitari. Nessuno potrà sospendere, in un secondo momento, le somme previste nei diversi programmi

Per le Piccole e medie imprese (PMI) arriva un salvagente dall’Unione europea per superare gli ostacoli al credito. In Europa ammontano a 23 milioni le Pmi, il 99% delle aziende della Ue. Bruxelles vuole semplificare il sistema dei fondi comunitari, offrendo un quadro finanziario certo alle PMI. Lo ha annunciato, in un dibattito al Parlamento europeo a Strasburgo, il commissario Ue alla politica regionale, Johannes Hahn, promettendo per il quadro finanziario UE 2013-2020 ”una dotazione economica specifica per le piccole e medie imprese‘ da gestire ”a seconda del livello di sviluppo delle Regioni”.

L’accesso delle Pmi ai fondi comunitari comporterà alcuni cambiamenti: non solo ”un sistema semplificato per l’accesso ai fondi strutturali’‘, ma anche ”sulla necessità di avere delle previsioni chiare e certe’‘, affinché nessuno sospenda, magari in una seconda fase, le somme previste nei diversi programmi.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore