Freescale venduta per 17,6 miliardi di dollari

Aziende

Un’alleanza guidata da Blackstone si aggiudica l’azienda di semiconduttori di
chip mobili

È stata definita una battaglia tra titani dei Private equity, ma a spuntarla nell’acquisizione di Freescale Semiconductor è stata un’alleanza guidata da Blackstone, e che include Carlyle Group, Permira e il gruppo Texas Pacific. L’accordo da 17.6 miliardi di dollari ha superato in valore la cessione record di SunGard Data Systems (da 11,3 miliardi di dollari). Freescale Semiconductor è un produttore di chip per telefonia mobile e auto (processori embedded). Freescale era anche nel mirino del Kohlberg Kravis-Silver Lake group, che già lo scorso mese ha acquisito Philips Electronics per 3,4 miliardi di euro. Tra i clienti di Freescale figurano Sony Electronics, Whirlpool, DaimlerChrysler, BMW, Ford Motor e General Motors. Per 50 anni parte della società Motorola, Freescale è stata scorporata nel luglio 2004 come compagnia stand alone: ma fornisce ancora a Motorola la maggior parte dei chip.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore