Frena l’acquisizione AT&T – T-Mobile Usa

AcquisizioniAutorità e normativeAziendeMarketingMercati e FinanzaNormativa
AT&T e T-Mobile

L’Authority americana Federal Communications Commission (Fcc) ha bloccato l’acquisizione da 39 miliardi di dollari di  T-Mobile Usa da parte di AT&T. E il colosso Tlc riconsidera tutte le possibilità

Non è una passeggiata l’acquisizione da 39 miliardi di dollari di  T-Mobile Usa da parte di AT&T. L’Authority americana Federal Communications Commission (Fcc) ha bloccato l’acquisizione, decidendo di indire un’udienza amministrativa sull’offerta d’acquisto. E il colosso Tlc ha risposto di prendere in esame tutte le opzioni.

AT&T ha definito Fcc “ennesimo esempio di un’agenzia governativa che con le sue azioni blocca investimenti per miliardi di dollari“. Il Dipartimento di giustizia (Doj) aveva portato At&t in tribunale per impedire l’intesa con T-Mobile Usa, di proprietà di Deutsche Telekom.

At&t ha detto che registrerà costi per 4 miliardi di dollari per questo trimestre per riflettere i rischi di collasso dell’accordo. Il merger non è ancora sfumato, ma appare più difficile, e qualcuno potrebbe sfliarsi alla prima occasione (20 marzo 2012 o alla dedline del 20 settembre 2012).

AT&T, che finora era il secondo operatore wireless alle spalle di Verizon, aggiungerebbe 34 milioni di utenti al suo parco clienti (mobile) di 95 milioni e raggiunge nella telefonia mobile Usa la quota di 129.2 milioni di abbonati (mentre Verizon ne ha 94.1 milioni). Si tratterebbe della più grossa operazione nel mercato wireless dal 2004 (quando Sprint si fuse con Nextel); e dopo che nel 2006 AT&T comprò BellSouth Corp per 83 miliardi di dollari. T-Mobile era già nel mirino di Sprint, ma AT&T condivide con la controllata di Deutsche Telekom la tecnologia GSM wireless.

AT&T e T-Mobile
AT&T - T-Mobile: accordo da 39 miliardi di dollari in bilico
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore