FRITZ!Box 7590, arriva il 1 settembre il modem/router top anche per la fibra

Banda LargaNetworkWorkspace

Sarà disponibile nei negozi dal 1 settembre il modem/router top di gamma di AVM, FRITZ!Box 7590. Ridisegnato dal punto di vista estetico, arriva con oltre 80 nuove funzionalità. E si può usare anche con la fibra

Annunciato da mesi, atteso già da MWC 2017, finalmente c’è una data sicura per l’arrivo del nuovo top di gamma di AVM, il FRITZ!Box 7590 che per la prima abbandona la livrea grigio rossa, rispetto al modello precedente perde le alette, e ora si presenta in un guscio dalle linee morbide e arrotondate, con le antenne completamente nascoste bianco (sono addirittura 8 le antenne sul nuovo modello), pronto per inserirsi in qualsiasi ambiente senza imbarazzare anche chi la tecnologia la usa, ma non la vorrebbe vedere, e così AVM ha persino pensato alla regolazione dei led luminosi, automatica, in base alla luminosità ambientale, per disturbare meno ma farsi notare quando serve. 

A fronte di tanti miglioramenti estetici, ne corrispondono altrettanti tecnologici. FRITZ!Box 7590 sarà davvero un modem/router all-purpose. Pronto per lavorare con qualsiasi connessione DSL, con l’integrazione VDSL supervectoring 35b (per arrivare fino a 300 Mbit/s in download), il FRITZ!Box 7590 non abbandona però nemmeno le vecchie linee analogiche e ISDN e con la porta gigabit WAN potrà essere collegato alla fibra ottica o al modem via cavo.

FRITZ!Box 7590 - Non c'è connettività che non sia possibile gestire con il FRITZ!
FRITZ!Box 7590 – Non c’è connettività che non sia possibile gestire con il FRITZ!

E ancora: a differenza di tanti dispositivi che sfruttano la tecnologia Single-User MIMO, il nuovo modello 7590 gestisce fino a quattro device, quindi lavora in modalità Multi-User, con 4X4 MIMO. La connettività wireless (di tipo n) sarà più robusta e affidabile con una velocità fino a 1733 Mbit/s sulla banda di frequenza a 5 GHz.

La domanda è ovvia, ma l’utente finale cosa ci guadagna? In primis l’alta affidabilità della connettività, non solo, grazie al band steering i dispositivi sono dinamicamente connessi alla banda in modo che ognuno di essi possa lavorare al meglio a seconda delle risorse disponibili; inoltre ora in casa si avrà un’unica rete FRITZ! anche nel caso dell’utilizzo di altri access point o extender e i device si agganceranno in modo trasparente alla connettività più efficace, ma vedendo un’unica rete.

Questo modello è l’ideale per chi a casa pretende di più dal proprio modem/router e una completa libertà di configurazione, ma ancora di più offre per esempio ad un piccolo ufficio, infatti si colleghera ancora a tutti i sistemi di telefonia.

Sarà facile integrare qualsiasi dispositivo come il sistema vero e proprio di telefonia per tutti i tipi di linea (IP, ISDN, analogiche) della famiglia FRITZ! e quindi anche la stazione ba-se DECT per telefoni cordless e le applicazioni per Smart Home. Sarà un ambito che ci riserverà tante sorprese nel corso dell’anno ancora, l’ambito Smart Home.

AVM FRITZ!Box 7590
AVM FRITZ!Box 7590

Intanto, come interfacce FRITZ!Box 7590 offre ovviamente la porta di collegamento alla linea, quattro porte gigabit LAN, la porta WAN per la fibra, due porte USB 3.0 per collegare sistemi di archiviazione (è raddoppiata la velocità di trasferimento rispetto al modello precedente), ma in più le porte supportano anche i dongle per accedere a Internet tramite la rete LTE, nei casi in cui la linea fissa dovesse cadere e le stampanti USB che diventano di rete.

Il prezzo non è primo un primo prezzo, il modem/router costa 289 euro. Si paga il concentrato di tecnologie e la perfetta padronanza della connettività in casa, il valore di aggiornamenti software e firmware praticamente perpetui e tanti piccoli dettagli che differenziano il livello del FRITZ! che resta riferimento di eccellenza.

AVM Fritz!Box 7590
AVM Fritz!Box 7590

Uno su tutti: il sistema operativo FRITZ!Os 6.80  (insieme a quelle del modem/router sono circa 80 le nuove funzioni e gli aggiornamenti previsti) prevede la possibilità di utilizzare l’autenticazione a due fattori “fisica” per le modifiche più delicate. Per apportare la modifica sarà necessario premere proprio un pulsante sul modem/router, più anti-hacker di così!, dovreste averlo in casa per mettere a repentaglio la sicurezza. 

FRITZ!Box sarà disponibile quindi nei negozi, nella GDO, e ovviamente online a partire dal primo settembre al prezzo di 289 euro.
Passi avanti si registrano riguardo l’apertura degli ISP completa affinché sia effettivamente esercitabile appieno la libertà di scelta dell’utente finale di collegare direttamente alla linea il modem/router di propria fiducia, senza ulteriori difficoltà e con gli stessi diritti di assistenza, ma con molti più vantaggi tecnologici.

In ogni modo, i vantaggi offerti da una soluzione così completa sono immediatamente evidenti anche nel caso di un suo utilizzo in cascata, lasciando solo le funzionalità modem al dispositivo fornito dall’operatore.

Intanto in Germania il risultato del “modem libero” è già stato raggiunto, e passi avanti significativi si registrano in Svizzera e Olanda, non vediamo l’ora che anche in Italia sia possibile utilizzare il dispositivo preferito anche per la telefonia IP senza alcun vincolo effettivo.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore