Frodi online: banche europee sempre più nel mirino

Sicurezza

Il rapporto di Rsa security del mese di aprile evidenzia una crescita delle
frodi online ma una riduzione degli attacchi di phishing

Frodi online in evoluzione e a farne le spese sono le banche internazionali di paesi non di lingua inglese come Italia e Spagna. Questo è in sintesi il quadro che emerge dal rapporto mensile sullo stato delle frodi online nel mondo, realizzato da Rsa security. Un dato che spicca in questa analisi è quello legato alle banche non Usa colpite da phishing. Il rapporto mette in evidenza questo dato come particolarmente alto. Ma,il risultato più eclatante è che quasi il 50% degli attacchi non Usa avviene in paesi non di lingua inglese, capitanati dalla Spagna con il 26%, dall’Italia con il 10% e da Germania e Olanda con il 6% rispettivamente. Dati allarmanti se paragonati a quelli dei paesi che ospitano i siti utilizzati per gli attacchi. In testa ci sono sempre gli Stati Uniti, il cui divario rispetto al resto dei paesi analizzati continua a crescere. Il rapporto evidenzia che, nel mese di Aprile, due attacchi di phishing nel mondo su tre sono riferiti a siti ospitati negli Usa. In generale, comunque, il mese scorso ha registrato una riduzione del numero complessivo degli attacchi di phishing, forse perché il fenomeno si è più sbilanciato verso altri segmenti, il fatto è che a marzo ben 127 banche sono state colpite, in aprile il dato si è ridotto del 25% facendo registrare 93 istituti di credito presi di mira.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore