Fujifilm ridurrà i costi degli schermi touchscreen per Pc

Dispositivi mobiliManagementMarketingMobilityWorkspace
Amnesty contro la piaga del lavoro minorile nel business degli smartphone

Fujifilm, Atmel ed Uni-Pixel, stanno invece lavorando su un approaccio nuovo e meno costoso, basato su differenti metalli per aiutare l’industria a essere meno dipendente dall’ ITO

Una delle caratteristiche chiave dell’era Mobile è costituita dalla tecnologia touchscreen. Fujifilm, che già realizza fotocamere e in passato pellicole, ha promesso che ottimizzerà i touch-screen per Pc, per aiutare Microsoft a rispondere alla sfida di Apple. Fujifilm sta sfruttando la sua pluridecennale esperienza con l’argento per creare schermi touch più ampi, ma soprattutto più affidabili. Laptop e desktop dotati di grandi pannelli touch-screen risultano costosi da produrre, perché i sensori sono composti con un materiale raro, l’ossido della latta dell’indio (polvere di ITO).

Sostituire l’ITO con una pellicola touch-screen è un’esigenza di tutto il mercato Pc e tablet, per ridurre i costi. Il touch su schermi da 23 a 27 pollici, nei desktop all- in-one, fa lievitare i costi di 180 dollari, seondo Acree. Nei computers e tablet più piccoli, fino a 11.6 pollici, i display touch incidono per 45 dollari.

I laptop touchscreen con Windows 8 hanno incontrato una debole domanda a causa dei prezzi elevati. IDC prevede che il mercato Pc calerà dell’1.3% nel 2013, dopo il crollo del 3.7% nel 2012: quest’anno sarebbe il secondo consecutivo in flessione. NPD DisplaySearch stima che l’anno scorso è stato venduto solo il 2.5% di Pc touch, ma salirà al 13.1% nel 2013, grazie a Windows 8.

Ma il Touch  è soloi agli esordi sui Pc. Come dimostra il Chromebook Pixel di Google, il touch trainerà le vendite. Il touch è coinvolgente ed immesivo, e dventerà un must anche sui Pc, oltreché sui tablet.

Le terre rare frenano il mercato touch: Fujifilm cerca un nuovo approccio
Le terre rare frenano il mercato touch: Fujifilm cerca un nuovo approccio per realizzare schermi touchscreen

L’obiettivo è superare i più grandi ostacoli per aggiungere il touch agli schermi PC. Soltanto il 13% dei notebook monterà display touch, quest’anno, il che misura la sfida che affrontano Microsoft e i vendor Pc come Hp.

 

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore