Fujifilm X100T – Torna il telemetro (elettronico), al centro c’è la libertà del fotografo

Dispositivi mobiliMobility
0 0 Non ci sono commenti

IN PROVA e SLIDESHOW – Fujifilm X100T è una fotocamera compatta professionale a ottica fissa dotata di mirino ibrido evoluto, sistema di messa a fuoco a telemetro elettronico e layout dei comandi ampiamente personalizzabili. Pulizia nel design e massima libertà di configurazione e controllo sull’immagine gli altri suoi punti di forza

Fujifilm X100T è una fotocamera compatta di classe professionale, con ottica fissa Fujinon 23mm (un luminosissimo f2 di 6 gruppi e 8 lenti con un elemento asferico), per una dotazione complessiva che si può definire con buone ragioni top di gamma. La caratteristica più importante di Fujfilm X100T è la presenza del telemetro elettronico. Fujifilm X100 marca così, con il nuovo modello T, un percorso significativo iniziato nel 2011, con X100, che ha visto con X100S l’arrivo del mirino ‘ibrido’ (Hybrid Viewfinder) e oggi con Fujifilm X100T di Electronic RangeFinder (il telemetro elettronico).

FujifilmX100T
FujifilmX100T – Appena sopra l’obiettivo si nota la leva che attiva il mirino ottico o quello elettronico e il sistema a telemetro elettronico

I dati di targa principali identificano Fujifilm X100T come fotocamera con sensore APS-C X-Trans (23,6×15,8mm) a 16,3 Megapixel (più che collaudato considerata la sua presenza sul mercato da circa due anni), la sensibilità Auto è equivalente a ISO 200-6400 (estesa da ISO 100 a ISO 51200), Fujifilm X100T  è dotata di memoria interna da 55 Mbyte per i primi scatti anche senza schedina (supportati i formati SD/SDHC/SDXC (UHS-I). Una compatta di alto livello come questa cattura immagini Jpeg e Raw come anche Jpeg+Raw. E’ prevista la possibilità di girare anche i video con risoluzione full-hd e audio stereo, salvati con compressione H.264 (Mov); possiamo però dire che non è certo per questo scopo che l’utente dovrebbe scegliere X100T, perché è evidente che i video rappresentano una possibilità in più.

FujifilmX100T_Live (1)
Fujifilm X100T – Ghiera di controllo EV+-3 (in origine su X100 erano EV+-2) e sistema di controllo esposimetro con priorità di tempi (fino a 1/4000), diaframmi, Program oltre a esposizione B e T.

 

Alcuni punti della descrizione tecnica ci permettono di qualificare immediatamente la proposta X100T e introducono anche alla descrizione dell’oggetto, quasi da culto, per tutti i veri amatori.

Fujifilm X100T è dotata infatti di un moderno display Lcd da 3 pollici, non orientabile, affiancato però sia da un mirino ottico (Optical ViewFinder – OVF), di tipo galileiano reverso con una cornice elettronica che fornisce tutte le informazioni di scatto (copertura del 92 percento) – da qui i vantaggi del nuovo mirino ibrido evoluto di Fujifilm.

FujifilmX100T - il dorso
FujifilmX100T – il dorso

Ora questo mirino non costringe a ripetere la messa a fuoco perché a differenza del modello S vede compresa la correzione dell’errore di parallasse nella parte oscurata in basso a destra per permettere la visualizzazione ingrandita dell’area di messa a fuoco. Il sistema ERF (telemetro elettronico) quindi può mostrare l’area di messa a fuoco ingrandita anche quando si usa il mirino ottico. Basta appoggiare l’occhio (correzione diottrica prevista) per attivare il mirino, ed è poi con la leva caratterizzante sulla parte frontale a fianco dell’obiettivo, che si sceglie quale mirino attivare.

Lo stesso oblò con il display EVF può essere utilizzato anche come mirino elettronico da 0,48 pollici, copertura del 100 percento .

Fujifilm X100T descrizione e esperienza d’uso

In un corpo macchina dal peso complessivo di circa 440 grammi (12,6×7,4×5,2 cm), realizzato in alcune delle sue parti in lega di magnesio, emerge subito l’impressione e la sensazione di un corpo macchina robusto e ergonomicamente ben impostato. Segnaliamo però  la scelta insolita di consentire l’inserimento della batteria nell’apposito comparto, anche con l’orientamento sbagliato, quindi in una modalità per cui poi la fotocamera non si accende. Non avremmo creduto che ancora in fase di progettazione fossero possibili questi casi.

E’ evidente l’impostazione di sana ‘vecchia scuola’ per cui le modalità di esposizione non sono evidenziate da una specifica ghiera, ma presuppongono la conoscenza del fotografo delle leggi di base: con la doppia accoppiata della ghiera obiettivo e della ghiera superiore sulla lettera A si ottiene così l’impostazione Program, tenendo la ghiera dei diaframmi su A e sulla ghiera scegliendo un tempo di esposizione si lavorerà in priorità dei tempi T, viceversa, si sceglierà l’apertura sull’obiettivo e si imposterà la lettera A sulla ghiera del profilo superiore.

Si noti che in modalità Program, grazie alla ghiera in plastica sul profilo posteriore sarà possibile scegliere comunque tra diverse abbinate di tempi e diaframmi. Torna poi in evidenza sul profilo superiore la correzione dell’esposizione con una ghiera dedicata a portata di mano.

Fujifilm X100T invece che predeterminare quale sia il pulsante per le riprese video offre un pulsante Fn sul profilo superiore la cui funzione sarà comunque personalizzabile. La libertà nella modalità d’uso al servizio del fotografo è evidente anche nell’impostazione del jog shuttle posteriore, tutto personalizzabile, anche se con suggerimenti predefiniti molto logici.

Vogliamo sottolineare l’importanza di due pulsanti: Drive e Q. Con il primo si gestiscono cadenze di scatto, braketing (sia ISO, sia di gamma dinamica, sia del bilanciamento del bianco, sia ISO) per un controllo perfettamente granulare dei parametri specifici, con Q invece si hanno in un’unica vista e a colpo d’occhio tutte le impostazioni sotto controllo, saranno poi gestite con la ghiera in plastica nera in alto a destra sul dorso.

FujiFilm X100T, due sistemi di controllo interessanti
FujiFilm X100T, due sistemi di controllo interessanti. Si notino le possibilità di personalizzare le funzioni da assegnare

Sul display LCD pochissime note, a parte la scelta di non poterlo orientare in nessun modo; invece per quanto riguarda il mirino ottico ed elettronico sono evidenti gli sforzi di Fujifilm per assicurare un’ottima esperienza assecondando tutte le abitudini dei fotografi, anche dei più esigenti o di chi fotografa da qualche decina di anni e quindi non ha perso ancora qualche vecchia, buona e sana abitudine, come quella di voler mantenere pieno e preciso controllo sulla messa a fuoco. Abbiamo solo un appunto riguardo l’utilizzo con gli occhiali che resta un po’ scomodo. La correzione diottrica è presente, ma già un utilizzatore di lenti sferiche di portata medio bassa, se ne fa poco.
Alcune scelte, si badi, sono evidentemente molto originali, come per esempio quella di assegnare all’icona Cestino (in fase di ripresa) la possibilità di impostare la fotometria della lettura esposimetrica su Media, Spot o Bilanciata. Difficile immaginarlo senza aver dato una scorsa al manuale. Eppure nel complesso il risultato è quello di una fotocamera bilanciata, con comandi distribuiti in modo pulito.

FujifilmX100T
FujifilmX100T

Queste scelte sono per filosofia le stesse per cui tramite jog shuttle si ha immediato accesso al bilanciamento del bianco, si può ribilanciare il punto di bianco, è possibile spostare il punto di lettura della messa a fuoco, oppure definire a piacere la simulazione migliore delle pellicole (Provia, Velvia,Astia etc.).

La fotocamera è anche dotata di connettività WiFi, abbiamo apprezzato con la relativa applicazione la facilità di condivisione immediata per cui tutto è controllabile semplicemente premendo sul retro il pulsante dedicato. Non è una nota secondaria, perché produttori anche più nominati offrono ancora procedure di abbinamento sulla stessa rete, abbastanza farraginosi.

E veniamo quindi all’esperienza di scatto. Nelle nostre prove abbiamo registrato qualche imprecisione nella messa a fuoco, per nulla attribuibili al sistema telemetro elettronico, che esce promosso a pieni voti, quanto piuttosto alle condizioni di luce che possono influire sulla precisione al primo colpo. Invece siamo rimasti del tutto soddisfatti dalla riduzione del rumore anche a ISO elevati, e soprattutto si fa apprezzare durante l’utilizzo la possibilità di arrivare con un solo tocco di pulsante a controllare ogni impostazione. Fufjifilm X100T con la sua ottica curata, ma pur sempre a focale fissa, si fa apprezzare per i lavori fotografici di strada, dove offre il meglio, il reportage di viaggio. Meno per i ritratti o la composizione ad effetto. Considerato il suo prezzo intorno ai 1300 euro, è evidente come Fujifilm X100T trovi un possessore ideale nel fotografo abbastanza esperto, ma soprattutto dalle alte pretese. In questi casi X100T offre il meglio e dà piena soddisfazione.

Fujifilm X100T

Image 1 of 13

FujiFilm X100T

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore