Fujitsu protegge gli hard disk

CloudServer

Il nuovo dispositivo Free Fall Sensor (FFS) si attiva automaticamente
proteggendo l’hard disk da ogni eventuale danno a seguito di cadute o impatti
violenti

Il Free Fall Sensor (Ffs) di Fujitsu sarà rivolto principalmente all’utenza mobile. In caso di caduta del dispositivo mobile, una speciale tecnologia incorporata nell’hard disk porta automaticamente la testina di lettura/scrittura nella posizione di riposo impedendole di colpire la superficie magnetica.

In questo modo, al momento dell’impatto, sia la testina che il supporto magnetico risultano protetti, riducendo i rischi di guasti. Il sensore si attiva automaticamente in caso di caduta dell’hard disk da un’altezza superiore a 20 centimetri, ma i dati risultano protetti anche in caso di cadute da altezze inferiori in quanto ogni attività di elaborazione viene sospesa.

Il sensore di caduta libera non si disattiva fino a quando la macchina è in movimento. I dati restano disponibili nel buffer di memoria dell’hard disk e la rotazione del drive non viene interrotta. Gli utenti possono dunque ricominciare il processo di lettura/scrittura dal punto esatto dell’interruzione, riprendendo il lavoro senza ulteriori ritardi.

Fujitsu propone il nuovo meccanismo di protezione quale opzione per tutti gli hard disk Sata delle serie MHWxxxBH con capacità comprese tra 40 e 160 GB. Il sensore verrà inoltre integrato in tutti i nuovi modelli.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore