Fujitsu-Siemens vince la sfida dello stand-by

Management

I Pc professionali del vendor consumano meno di un Watt in fase di riposo. In anticipo sull’entrata in vigore della direttiva europea

Fujitsu-Siemens scommette sul risparmio energetico: nella sfida dello stand-by, Fujitsu-Siemens non solo non sfigura, ma anzi rischia di sbaragliare la concorrenza. Infatti il vendor di computer afferma che i Pc professionali consumano meno di un Watt, ottemperando ai requisiti della nuova direttiva europea .

Il 90% dei Pc professionali di Fujitsu-Siemens consuma infatti meno di 0,5 Watt, come prevedono le normative per il 2013, grazie all’opzione Low Power Soft Off/Deep Sleep: un settaggio pre-configurato che “contiene” il consumo di energia in standby a meno di un watt.

Gli esperti dicono che 60 milioni di euro sono sprecati nella bolletta a causa del Pc che, anche da spento, consuma energia.

L’Unione europea vuole correre ai ripari contro i consumi invisibili: la Ue limiterà i consumi agli apparecchi in fase di riposo.

I produttori saranno obbligati a ridurre, del 73%, la quantità di energia utilizzata in stand-by, entro il 2020. Il tetto di consumo energetico per lo stand-by dell’apparecchio sarà di 1 o 2 watt fino al 2010, per passare a 0,5 o 1 watt dal 2013.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore