Furti di dati in Ateneo

Sicurezza

Per ora la moda sembra imperversare soprattutto negli Stati Uniti, anche se
alcune Università europee hanno già segnalato problemi analoghi

L’Università della California ha dichiarato che tra ottobre 2005 e novembre 2006 un attaccante sconosciuto ha ottenuto un accesso non autorizzato al database dell’università che conteneva i dettagli personali di circa 800 mila studenti, genitori, insegnanti e impiegati. L’attacco è stato bloccato non appena gli amministratori della rete hanno capito quanto stava accadendo. Il database includeva: nomi, numeri di sicurezza sociale, date di nascita, indirizzi di residenza, informazioni su ex e attuali studenti, dati sulle facoltà e lo staff, e anche informazioni sui genitori degli studenti che avevano fatto domanda per ricevere aiuti finanziari. Questo non è comunque il primo caso di furto di dati nelle Università americane : ad Aprile l’ Università del Texas aveva avvertito studenti e staff che il database contenente i dettagli di oltre 200 persone era stato violato. E la scorsa settimana è stato rivelato che il 16 Novembre dei crackers hanno attaccato la rete informatica del Naval War College di Newport, causando uno stop della rete per più di due settimane, compresi i servizi email ed il sito web del college. Molti altri casi sono stati denunciati sia in Europa che negli Usa in tutto il 2006.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore