Garmin Forerunner 225, finalmente la frequenza cardiaca misurata al polso

Dispositivi mobiliMobility
0 0 Non ci sono commenti

Forerunner 225 è il primo smartwatch di Garmin che permette la misurazione della frequenza cardiaca direttamente al polso. Sarà disponibile da giugno. Si affolla il comparto superwatch per chi corre e si allena

Chi corre conosce bene l’importanza di misurare i propri sforzi atletici con una corretta e precisa misurazione della frequenza cardiaca, e fino ad oggi chi affidava a Garmin ha sempre utilizzato la fascia toracica per farlo. Da giugno Garmin con il modello Forerunner 225 assicura la stessa precisione anche tramite misurazione al polso.

Si gioca la faccia Garmin e per questo assicura dati precisi e affidabili, costantemente monitorabili attraverso lo schermo del dispositivo Forerunner, che sfruttando il codice cromatico evidenzia la ‘zona’ di allenamento dell’atleta (sulla base dei parametri forniti di età, peso, altezza e altri valori registrati in corsa) riguardo le soglie aerobiche e anaerobiche (zona di riscaldamento, colore grigio; zona di resistenza in blu; allenamento aerobico in verde; arancio e rosso per la soglia e il limite).

Forerunner 225 integra inoltre un accelerometro che segnala distanza e passo anche nelle sessioni di allenamento indoor, senza bisogno di altri accessori. Il pieno controllo di tutte le impostazioni si ha tramite portale Web Garmin Connect e tramite Connect Mobile. E con la funzione Live Track, amici e familiari possono seguire l’atleta in tempo reale durante una gara o un allenamento. Con Garmin Connect inoltre è possibile scaricare piani di allenamento alle classiche distanze del podismo: 5 e 10 chilometri, maratona e mezza maratona.

GARMIN Forerunner 225
GARMIN Forerunner 225

Il sistema di misurazione della frequenza cardiaca sfrutta un sensore ottico integrato, che illumina il dorso del polso, e poi misura la quantità di luce restituita, da qui si rilevano le variazioni del flusso sanguigno, poi ci pensano gli algoritmi software a trarre da queste informazioni la corretta frequenza.

La tecnologia di base è esattamente la medesima sfruttata da Fitbit Surge e Charge, Garmin inoltre ‘vela’ il lato di appoggio sul polso del suo superwatch con un anello di silicone, per impedire alla luce ambiente di filtrare interferendo con i sensori ottici.

Forerunner 225 è impermeabile fino a 50 metri con un’autonomia di 7/10 ore con GPS attivo, arriva nei negozi a giugno. Per quanto riguarda invece la misurazione della massima capacità di consumo ossigeno bisognerà continuare a scegliere i modelli 220, 620 e 920XT che sfruttano la fascia. 

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore