Gartner commenta la multa record a Intel

Workspace

La società di analisi esprime il suo parere sulla maxi sanzione inflitta al colosso dei chip, accusato dalla rivale Amd di abuso di posizione dominante e pratiche anti concorrenziali

La maxi-multa dell’Antitrust Ue a Intel è la notizia di ieri. Gartner dice la sua a proposito della multa record inflitta al colosso dei chip, accusato dalla rivale Amd di abuso di posizione dominante e pratiche anti concorrenziali: secondo la società di analisi, la decisione dell’Antitrust Ue avrà implicazioni globali.

Poichè la pratica dei ribassi potrebbero essere avvenute anche altrove, Intel deve trarre una lezione da questa vicenda (anche se Intel si appellerà contro la Ue).

Inoltre, al centro della decisione non sono restrizioni contrattuali, bensì sales relationship,m rapporti di vendita coi clienti.

Infine la multa non avrà effetti sul market-share: le distanze fra Intel e Amd rimarranno pressocché uguali, ma soprattutto a Intel converrà puntare sulla crescita di mercato, invece che sulle quote di mercato. La multa di Intel non finirà nelle tasche di Amd. Intel in futuro dovrà proteggersi da simili accuse e impostare rapporti di vendita diversi, non a rischio come avvenuto con MediaWorld in passato.

Leggi: Otellini: Intel ricorrerà contro la maxi-multa dell’Antitrust Ue

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore