Gartner illustra i pericoli nell’era di Facebook: verso i Social network no risk

CyberwarSicurezza

Al Gartner Symposium, la società di analisi traccia i rischi legati ai social network, senza trascurarne le opportunità. Le aziende devono imparare a bilanciare rischi e performance, nell’era della generazione 2.0 no risk

Al Gartner Symposium , la società di analisi afferma che i dipartimenti di corporate computing non dovrebbero bloccare i social network e che la sicurezza non dovrebbe bllindare a doppia mandata le comunicazioni, arroccandosi in un castello lasciando il mondo là fuori. E anche se l’information technology volesse, non potrebbe: ormai è tutto interconnesso, dal punto di vista digitale e sociale.

Internet ormai pervade il nostro mondo, come non avremmo mai pensato fino a pochi anni fa. Ma Gartner non nasconde i rischi: non tutto è sotto controllo, anzi. Ci stiamo muovendo dal controllo all’autonomia: ciò che va tenuto d’occhio è ciò che è nostro da ciò che viene condiviso.

Se ai dipendenti piace il social-networking, le imprese dovrebbero delineare delle policy e delle regole per impedire che il Web 2.0 danneggi le aziende. Le aziende devono imparare a bilanciare rischi e performance: per realizzare un approccio ai Social network senza rischi. Provare a creare una generazione 2.0 no risk. Meglio adottare più trasparenza. La glasnost digitale aiuta a prevenire i pericoli, nel mondo di Facebook, Twitter, e del cloud computing e delle strategie software as a service(Saas).

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore