Gartner: Mercato Pc ancora contrassegnato dal segno meno

AziendeMercati e Finanza
Gartner: Mercato Pc ancora in pesante flessione
1 0 Non ci sono commenti

Il mercato Pc EMEA è in caduta verticale a due cifre. L’analisi di Gartner: il mercato Pc globale, in flessione nel secondo trimestre. La ripresa è prevista nel 2016

A poche settimane dal lancio globale di Windows 10, il mercato Pc è ancora contrassegnato dal segno meno e in pesante flessione. La società d’analisi Gartner sostiene che il mercato Pc, sotto pressione anche a causa del dollaro forte/ euro debole, ha archiviato il secondo trimestre registrando un declino del 9,5%.

Sottolineiamo il fattore valutario e la fragile ripresa dell’Eurozona, perché i parametri macroeconomici si riflettono nel fatto che il mercato Pc EMEA è in caduta verticale del 15.7%.

Gartner: Mercato Pc ancora in pesante flessione
Gartner: Mercato Pc ancora in pesante flessione

Sul mercato Pc pesano diversi fattori: il passaggio al Mobile (anche se il mercato smartphone rallenta, quello tablet delude); l’attesa di Windows 10, che dovrebbe risvegliare il mercato Pc, soprattutto nel 2016; il ruolo del dollaro forte, la fragile ripresa in Eurozona (scossa dal caso Grecia), la crisi russa (col rublo in caduta libera) e il crollo della Borsa cinese. Inoltre un anno fa, la fine del ciclo di Windows Xp, trainava le vendite desktop e laptop in azienda: esaurita quella spinta, ora si deve aspettare l’effetto Windows 10. Quasi tutti fattori esterni all’andamento del mercato dei personal computer, dove gli ibridi o 2-in-1 sono comunque in pieno boom.

Gartner ritiene che la ripresa del mercato Pc sarà lenta, ma stabile non prima del 2016. L’effetto Windows 10 sarà visibile entro un anno, quando un miliardo di device si aggiornerà al sistema operativo.

Fra i top vendor, Lenovo mantiene lo scettro nel mercato Pc globale nel secondo trimestre del 2015 (vedi Tabella 1), ma l’azienda cinese soffre un declino anno su anno, per la prima volta dal secondo trimestre 2013. Sotto il profilo geografico, America Latina, Giappone  ed EMEA sono state regioni difficili per Lenovo, reduce dall’esperienza della flessione a doppia ciftra. HP ha pure registrato un calo dopo 5 trimestri consecutivi di crescita delle vendite  Pc. Il declino di HP in EMEA può essere attribuito all’impatto del dollaro forte, oltre a un inventario limitato nel segmento consumer prima del lancio di Windows 10, atteso il 29 luglio.

Table 1

Preliminary Worldwide PC Vendor Unit Shipment Estimates for 2Q15 (Thousands of Units)

Company 2Q15 Shipments 2Q15 Market Share (%) 2Q14 Shipments 2Q14 Market Share (%) 2Q15-2Q14 Growth (%)
Lenovo 13,456.9 19.7 14,440.4 19.1 -6.8
HP 11,924.2 17.4 13,174.3 17.4 -9.5
Dell 9,587.9 14.0 10,082.1 13.3 -4.9
Asus 4,652.6 6.8 5,183.0 6.9 -10.2
Acer Group 4,558.0 6.7 5,710.6 7.6 -20.2
Others 24,220.7 35.4 26,978.4 35.7 -10.2
Total 68,400.3 100.0 75,568.8 100.0 -9.5

 

Le vendite di PC in area EMEA hanno totalizzato 18.6 milioni di unità nel secondo trimestre 2015 (vedi Tabella 2), in calo del 15.7% dallo stesso periodo di un anno fa. HP è il vendor numero uno EMEA. Tutti i vendor top five in EMEA sono in calo, segno di una debolezza sia nel mercato desktop che un rallentamento negli acquisti consumer.

 

Tabella 2

 

Company 2Q15 Shipments 2Q15 Market Share (%) 2Q14 Shipments 2Q14 Market Share (%) 2Q15-2Q14 Growth (%)
HP 3,894.2 20.9 4,521.6 20.4 -13.9
Lenovo 3,429.3 18.4 3,946.6 17.8 -13.1
Dell 2,047.3 11.0 2,130.6 9.6 -3.9
Asus 1,852.5 9.9 2,247.2 10.2 -17.6
Acer Group 1,721.5 9.2 2,552.9 11.5 -32.6
Others 5,696.4 30.6 6,716.4 30.4 -15.2
Total 18,641.2 100.0 22,115.3 100.0 -15.7

Negli USA HP mantiene la prima posizione del mercato PC, nonostante il calo del 10.1%, mentre Lenovo (terzo, alle spalle di Dell) è l’unico vendor a crescere oltreoceano nella classifica top five negli USA. Apple è quarta, in calo del 2.5%.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore