Gartner prevede 200 milioni di tablet entro il 2015

AziendeDispositivi mobiliMarketingMercati e FinanzaMobilityWorkspace

La vendita di media tablet cannibalizzerà altri device di elettronica di consumo, come e-reader, console di gioco portatili e lettori multimediali

La vendita dei tablet sta per esplodere. Lo riporta Gartner che prevede che questa tipologia di dispositivi cannibalizzerà le vendite di altri device a partire dagli e-reader. I numeri di Gartner parlano chiaro: i tablet e Slate Pc raggiungeranno i 200 milioni di unità entro il 2014. Anche Microsoft sta per scendere in campo entro Natale e Intel ha fatto i complimenti a Apple per aver “reinventato la categoria“.

Sull’onda del successo di iPad e dell’interesse catalizzato da Samsung Galaxy Tab, i tablet venduti saranno 19 milioni entro la fine del 2010 e 208 milioni entro il 2015.

A trainare il mercato saranno  il tablet Android di Samsung, Cisco Cius (il tablet per le videoconferenze dedicato al business) e probabilmente anche Blackberry PlayBook. Secondo Carolina Milanesi, il successo dei tablet ha una controindicazione: “La natura all-in-one dei media tablet cannibalizzerà altri device di elettronica di consumo, come e-readers, console di gaming e lettori multimediali“. Anche iPad erode quote all’iPod. Per i netbook o mini notebook saranno due anni di sofferenza (soprattutto quando il prezzo dei media tablet calerà sotto i 300 euro).

A guidare la crescita dei tablet sarà il mercato di fascia enterprise: ai dipendenti piacciono le applicazioni host sui tablet e la funzionalità “instant-on”. Anche le Tlc passeranno dai contratti per netbook ai contratti per tablet, dato il loro crescente successo.

Com’è noto a scommettere sui tablet sono gli editori. Basta pensare che l’iPad app del Financial Times è già stata scaricata da 400.000 iscritti e vale 1,59 milioni di dollari in profitti per il giornale. Da maggio una sola Web app è valsa il 10% degli abbonamenti digitali. Lo afferma Ben Hughes, direttore commerciale globale per il Financial Times, che ha annunciato che sbarcare su iPad vale la pena, anche se la stampa cartacea genera ancora il 40% dei profitti dell’advertising all’editore.


I media tablet a confronto
I media tablet a confronto
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore