Gdc 09 a tutto videogame

AccessoriWorkspace

Alla Game Developers Conference 2009, in attesa di scoprire le novità di Microsoft Xbox 360, Sony e Nintendo, scaldano l’ambiente la piattaforma Zeebo e OnLive per i giochi on-demand in streaming su Mac o Pc. Autodesk presenta il software 3ds Max 2010

Alla Game Developers Conference 2009 (Gdc) c’è grande attesa per cosa presentaranno Microsoft Xbox 360, Sony e Nintendo. Il mercato videogame è uno tra i pochi a non sentire la recessione.

Intanto a scaldare l’ambiente ci provano la piattaforma Zeebo e OnLive. Zeeebo si propone come la console, basata sul download 3G, per i mercati emergenti.

Invece OnLive (attualmente in beta privata, ma in beta pubblica dall’estate) vuole sfidare le console più famose e blasonate con una nuova distribuzione giochi. Grazie a OnLive, Electronic Arts, Take-Two, Ubisoft, Atari potranno effettuare lo streaming di giochi on-demand ad alta qualità su Mac con chip Intel o PC con XP o Windows Vista.

Infine Autodesk presenta il software 3ds Max 2010, l’ultima versione del prodotto per la modellazione, animazione e rendering tridimensionale, che offre quasi 350 nuove funzioni. La nuova release offre innovativi strumenti creativi, maggiori funzionalità di gestione delle scene e un migliore supporto per interoperabilità e integrazione delle pipeline. Gli artisti digitali hanno usato 3ds Max per creare diversi titoli premiati, fra cui i recenti “Fallout 3”, “Prince of Persia” e “Gears of War 2”.

Gdc 09, con 300 espositori (18mila visitatori nell’edizione scorsa), guarda con un certo ottimismo al mercato videogame: secondo Npd, il mercato videogiochi è cresciuto dell’11% negli Usa. Nintendo, che ha venduto 45 milioni di Wii, lancerà DSi con fotocamera il 5 aprile negli States. Inoltre 6mila giochi dovrebbero essere presenti su App Store per Apple iPhone e iPod Touch.

Per essere aggiornato sulle ultime notizie del mercato, iscriviti alle newsletter di NetMediaEurope, clicca qui

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore