GfK, elettronica di consumo e IT trainano la crescita

Workspace

All’Ifa di Berlino emerge che i mercati della Consumer Electronics, audio e video, fotografia, Itc continuano a crescere a dispetto della crisi. Nel 2009, i consumatori spenderanno il 2% in più in questi mercati. La spesa salirà di 494 miliardi di euro: ecco le cifre, segmento per segmento

Il 2009 è stato un anno duro anche per l’IT, tuttavia, a Ifa 09, in corso a Berlino, la società Gfk esprime un cauto ottimismo: la crescita è guidata dall’elettronica di consumo e dall’Itc. I mercati mondiali della Consumer Electronics, audio e video, fotografia, It c continuano a crescere a dispetto della crisi globale. Nel 2009, i consumatori spenderanno il 2% in più in questi mercati. La spesa complessiva salirà di 494 miliardi di euro.

La ricerca continuativa, svolta in più di 80 Paesi e presentata da GfK Retail and Technology,mostra le seguenti cifre. Con le vendite che segnano un +8%, il Giappone è attualmente il Paese che presenta la più rapida espansione del mercato, seguito dall’Africa con una crescita del 6% e dalla Cina con il 5%. Non tutti i Paesi segnano però dati positivi: GfK si aspetta infatti una perdita del 3% in Nord America e del 5% in Europa.

Le tre maggiori categorie di prodotti, che beneficiano di una tendenza positiva continua, sono:telefonia mobile e Tv flat (il segmento dei telefoni cellulari, ad esempio, e quello delle televisioni sono cresciuti entrambi del 4% in termini di valore), mentre i Pc hanno registrato un +2%. In ognuno di questi segmenti, che rappresentano il 78% del mercato totale, trainano la crescita gli smartphone, netbook e televisioni flat-screen.

Anche i prodotti più di nicchia hanno portato un contributo positivo: le vendite totali dei lettori Blu-ray si prevede crescano del 117% quest’anno, e le vendite dei navigatori satellitari del 17%.

Nel corso del 2009 i consumatori europei spenderanno circa l’11% in meno rispetto allo scorso anno per la Consumer Electronic. Oltre alla recessione, una delle ragioni principali si ritrova nelle vendite delle televisioni flat-screen, fino ad ora pilastro portante della crescita del mercato. Ciò è dovuto alla rapida caduta dei prezzi medi e l’incoraggiante crescita dei lettori Blu-ray non basta a compensare il declino delle vendite del settore TV.

Il 50% delle vendite nella prima metà dell’anno è stata generata nei tre Paesi più grandi dell’Europa Occidentale: la Germania con il 19% delle vendite seguita da UK (16%) e Francia (15%). Il restante 50% è suddiviso tra gli altri 24 Paesi europei. GfK prevede per il 2009 che le vendite totali per la Consumer Electronic in Europa saranno di circa 54 miliardi di euro.

Nel mercato Tv flat, mentre i tradizionali CRT sono ormai irrilevanti, le TV LCD fanno la parte del leone con l’88% del fatturato del mercato, con una crescita particolare per le TV da 37 pollici in su. Il segmento delle TV da 32 pollici rimane il più venduto: un consumatore su tre infatti sceglie queste dimensioni per il proprio televisore. Alla luce di questi nuneri, GfK prevede per il 2009 in Europa vendite per 43,5 milioni di TV LCD e per 4,3 milioni di plasma.

La penetrazione del TV full HD sta cominciando a diventare rilevante: rappresentano infatti il 49% del televisori LCD e il 23% dei plasma venduti. Il prezzo medio delle televisioni nella prima metà del 2009 è sceso sotto i 600 euro.

GfK prevede che le vendite dei lettori DVD tradizionali si attesteranno a 18,7 milioni, mentre i lettori Blu-ray venderanno per 2,1 milioni e i registratori DVD per 4,6 milioni nel 2009.

Il numero dell e videocamere vendute in Europa è sceso del 16% mentre una sostenuta riduzione dei prezzi ha condotto a un calo a valore del 27%. Comunque sviluppi positivi si vedono grazie all’introduzione dell’alta definizione (HD): le videocamere con tecnologia HD hanno infatti registrato una crescita a volume dell’80% e vendite cresciute del 22%. I dispositivi con HD oggi sono circa il 40% del totale delle vendite: una videocamera su 5 venduta oggi è HD. GfK prevede 4,9 milioni di videocamere vendute nel 2009.

Nei primi sei mesi dell’anno la domanda per hi-fi e sistemi di home cinema è scesa dell’11% in Europa in termini sia di volume che di vendite; ma sono raddoppiate se comparate con la prima metà del 2008 e ora occupano il 13% dell’intero mercato home audio.

Il mercato degli apparecchi audio portatili ha visto una diminuzione nelle vendite a quantità dell’11% nella prima metà dell’anno e una perdita a valore del 16%; GfK prevede che le vendite di MP3/MP4 saranno di 38,1 milioni a volume nel 2009.

Le vendite dei sistemi di navigazione satellitare sono diminuite del 9% e anche il prezzo medio è caduto del 20% attestandosi a 163 euro. Funzioni innovative come la grafica 3D, la visuale realistica e le informazioni in tempo reale sul traffico hanno aiutato ad limitare la caduta del prezzo medio. GfK stima che il 2009 si chiuderà con 16,5 milioni di pezzi venduti. Nel segmento ‘car audio’ i consumatori cercano prodotti con caratteristiche innovative come le connessioni iPod, USB e il Bluetooth. Queste caratteristiche non riescono comunque a impedire la caduta del 17% per numero di unità vendute e del 24% per le vendite totali.

Segui IFA 09 su Blog Eventi di NetMediaEurope

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore