Gfk, la flessione colpisce il consumer

AziendeMarketingMercati e FinanzaWorkspace
Tablet in crescita

Nel terzo trimestre 2011 il mercato italiano delle tecnologia di consumo registra un calo delle vendite del 9,7%. In controtendenza il segmento Mobility, in crescita con smartphone e tablet

Il giro d’affari è pari a 4,2 miliardi di euro, ma la contrazione è pesante:  flessione delle vendite del 9,7%. In sequenza, il business è aumentato di soli 5 milioni di euro rispetto al secondo trimestre, ma anno su anno il calo è netto. Escludendo il settore Telefonia (+3,4%), sostenuto dalla crescita degli di Smartphone, il segno meno precede tutti gli altri settori. La gelata dell’IT è evidente: Informatica (-2,7%), Piccoli elettrodomestici e Home comfort (-7,9%), Grandi elettrodomestici (-11,1%), Office equipment (-12,7%), Fotografia (-15,9%), e Elettronica di Consumo (-20,8%).

L’Informatica nel terzo trimestre 2011 segna un declino di circa il 2,7% del valore rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, e ammonta a 732 milioni di euro. In controtendenza è la “mobility”, inteso come l’insieme di prodotti IT che permettono di connettersi a Internet in mobilità, è l’unico comparto che registra una crescita delle vendite, soprattutto grazie al successo dei tablet. Ma l’erosione dei prezzi medi,  in un periodo di instabilità economica e incertezza, produce comunque la flessione della domanda finale.

La fotografia digitale è in flessione del -15,9% (giro d’affari di 164 milioni di Euro): pesa la contrazione delle “fotocamere compatte”, in negativo da inizio d’anno sia in termini di unità che in termini di valore generato (il prezzo medio è infatti calato rispetto allo scorso anno). Vira in negativo anche il settore a lenti intercambiabili (Reflex e Mirrorless), che fino a pochi mesi fa mostrava un andamento positivo: soprattutto in termini di unità vendute.

Riducono le vendite a doppia cifra le TV a schermo piatto, tranne le Tv a Led, con andamento positivo delle vendite, in particolare modo per quanto riguarda i piccoli schermi. Lo switch off ormai riguarda poche regioni: Toscana e Liguria.

Tablet in crescita

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore