Ghost Recon 2

Management

Uno sparatutto immediato e dinamico, con una splendida grafica e un livello di tensione costante

Rispetto al primo Ghost Recon questo seguito segna un deciso spostamento verso uno stile da sparatutto, con il conseguente sacrificio delle opzioni tattiche di gestione della squadra. La scelta di adottare una visuale in terza persona rende il gioco più immediato e dinamico, ma poco si addice a una simulazione. Con la sua splendida grafica e un livello di tensione costante, il gioco è comunque molto godibile. Non mancano però i difetti. Primo fra tutti l’inconsistenza del sistema di mira sulle lunghe distanze: si inquadra il bersaglio, si spara e, a volte, inspiegabilmente, questo non viene colpito. Modesta anche l’intelligenza artificiale della squadra che interpreta i comandi impartiti in modo “creativo”. Nonostante queste mancanze, il gioco è avvincente e spinge a proseguire nelle missioni per vedere “cosa verrà dopo”. Da provare.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore