Gli antivirus aggiornati non sempre sono efficaci

SicurezzaSoluzioni per la sicurezza

Secondo un sondaggio effettuato dallo specialista in antivirus Panda Security tre società su quattro sono infettate con qualche forma di malware, comprese quelle con un software antivirus aggiornato

Secondo un sondaggio effettuato dallo specialista in antivirus Panda Security t re società su quattro sono infettate con qualche forma di malware, comprese quelle con un software antivirus aggiornato.

A casa un pc ogni quattro è similarmente infettato, in base all’analisi effettuata su oltre un milione e mezzo di sistemi. Il numero di varianti nella ormai vasta categoria del malware cresce esponenzialmente perché gli autori cercano sempre nuove vie per superare i software di sicurezza. La maggior parte delle infezioni, sempre secondo Panda, arrivano da siti web e sono dei troiani utilizzati per scaricare ulteriore codice maligno, dagli spyware a dei software per lanciare spam.

Spesso il codice è destinato ad un limitato di pc con nuove varianti prodotte giornalmente. Il risultato è quello di rendere sempre meno effettivi i tradizionali metodi di riconoscimento usati dagli antivirus, basati spesso solo su firme, che tendono a creare database giganteschi.

Panda ha sviluppato un nuovo sistema chiamato Collective Intelligence che ricava informazioni in tempo reale sulle nuove varianti usando i pc degli utenti come sensori di allarme. Un piccolo client in ogni macchina notifica Panda dell’arrivo di codice sospetto che viene analizzato sui server della società e non sul pc dell’utente. Panda poi blocca l’operazione del pezzo di malfare, operazione in genere semplice con i troiani.

Per dimostrare la propria tecnologia Panda sfida utenti e società a fare una scansione gratuita dei propri pc su un sito chiamato propriamente Infected or Not?. Gli utenti con infezioni possono vincere un Ipod Nano alla settimana.

Abbiamo fatto subito la scansione ed è praticamente impossibile non avere il pc infetto in quanto Panda non conteggia solo i normali virus (ormai una cosa antiquata!) ma anche cookie (non mi risulta che siano così pericolosi…) e altri tipi di spyware spesso poco controllati dagli antivirus tradizionali. Comunque dovete preoccuparvi solo con minacce ad alto livello di pericolosità.

Fonte: T he Inquirer

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore