Gli australiani mettono il turbo ai chip wireless

ComponentiWorkspace

Il nuovo chip potrebbe trovare un ampio utilizzo nell’elettronica di consumo, dalle TV digitali ai telefonini e ai lettori Dvd

I ricercatori australiani del National Information and Communications Technology center (NICTA) dell’università di Melbourne hanno creato un microchip per le trasmissioni wireless ad alta velocità.

The Age spiega che il chip, a cui è stato imposto il nome “GiFi”, è capace di velocità fino a 5 Gbps in un raggio di 10 metri, corrispondente a circa 10 volte quella delle più veloci reti Wi-Fi in funzione attualmente.

Il minuscolo chip (solo 5 mm di lato), sviluppato nell’arco di una decina d’anni dall’equipe del professor Stan Skafidas, sfrutta la stessa circuiteria CMOS utilizzata sui microprocessori, ha un’altrettanto minuscola antenna di 1 mm, consuma meno di 2 watt di potenza e potrebbe essere prodotto a poco più di 6 euro.

Grazie al GiFi un film ad alta definizione potrebbe essere trasmesso per intero, per esempio, da una videoteca a un telefonino in pochi secondi, per essere poi trasferito sul PC di casa alla stessa velocità.

Insomma,il nuovo chip potrebbe trovare un ampio utilizzo nell’elettronica di consumo, venendo integrato in apparecchi come TV digitali, telefonini e lettori DVD, facendo dialogare i vari dispositivi.

GiFi potrebbe fare la sua prima comparsa sui mercati all’inizio dell’anno prossimo.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore