Gli hacker entrano alla Casa Bianca

CyberwarSicurezza

Jeff Moss, noto con il nickname di Dark Tangent, il fondatore di Black Hat, si unisce Homeland Security

Sembrano passati secoli da quando l’Fbi dava la caccia a Kevin Mitnick per mezza America, e da quando gli hacker venivano accusati di essere criminali.

Oggi in Europa si festeggia l’ingresso del Partito dei Pirati all’Europarlamento , per combattere la Dottrina Sarkozy dentro la Ue. E in Usa addirittura gli hacker entrano alla Casa Bianca: Jeff Moss, noto con il nick di Dark Tangent, il fondatore di Black Hat, si unisce Homeland Security.

Non sarà un elefante in cristalleria, ma un esperto di hacking laddove serve di più: a vegliare sulla sicurezza nazionale Usa della nuova era Obama. D a Black Hat e Defcon, a rendere conto al DHS Secretary di Janet Napolitano, il passo non sarà banale: Dark Tangent dovrà dire quanto le infrastrutture critiche IT statunitensi siano sicure in caso di cyber-attacchi.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore