Gli incidenti possono capitare…allora proteggetevi bene

Management

Se la vostra assicurazione è troppo cara, mandate la disdetta alla vostra
compagnia e provate quelle on-line: vi spieghiamo come orientarsi tra le offerte
e a cosa bisogna stare attenti

Nonostante proclami e slogan pubblicitari le tariffe RCA continuano a crescere e a costituire una delle principali voci di costo nel budget delle famiglie. Inoltre la sensazione di aumenti a volte incomprensibili e di criteri talvolta oscuri nell’attribuzione delle classi contribuiscono a trasmettere agli utenti una sensazione di incertezza nel calcolo dei costi. Le associazioni dei consumatori fanno notare che, nonostante l’iniziale successo della patente a punti che ha fatto segnare una diminuzione degli incidenti da un anno all’altro del 18% , gli aumenti delle polizze RCA risulterebbero sempre superiori al tasso di inflazione. Dalle statistiche Istat risulta infatti, che negli ultimi quattro anni il prezzo di tali polizze abbia subito aumenti fino al 13,9 % a fronte di un’inflazione del 6,9 per cento. La diminuzione degli incidenti è un dato che viene confermato anche da alcuni studi della stessa ANIA, l’associazione di categoria delle compagnie di assicurazione. Secondo l’associazione dal 2001 al 2005 si è registrata una tendenza alla diminuzione della polizze a cui è stato assegnato un sinistro: da una media del 9,96 % registrata nel 2001 all’8,63 % fatta segnare nel 2005. Secondo l’ANIA però l’importo medio liquidato per ogni incidente, pari a circa 3.428 euro sarebbe aumentato del 3,5% rispetto all’anno precedente, raggiungendo così un livello troppo elevato per consentire un ribasso delle tariffe. Il problema dunque è che non solo non ci sono ribassi, ma che le tariffe RCA continuino ad aumentare: secondo Adusbef nel 2005 gli incrementi in media sono stati del 4%, con punte fino al 10/15 % per gli automobilisti che non hanno subito alcun sinistro e che, a regola, dovrebbero essere quelli da premiare per la loro diligenza. La scure del rincaro si è abbattuta senza pietà poi sui neoassicurati, cioè i diciottenni che costituiscono la percentuale maggiore tra i neo-patentati. Secondo i dati questa volta di Intesa Consumatori, il consorzio che raggruppa le principali associazioni del settore, le tariffe RCA per i ragazzi appena maggiorenni avrebbero fatto segnare aumenti fino al 59%. Gli incrementi maggiori sono stati registrati a Napoli: nella città partenopea un neopatentato può arrivare a pagare fino a 3.400 euro per una polizza auto. Che fare allora? L’unica soluzione per provare a risparmiare qualcosa è rivolgersi alle assicurazioni on-line.

L’RC auto on-line Le assicurazioni on-line sono aziende, o filiali ad hoc di società attive anche nel mercato tradizionale, che hanno le medesime caratteristiche, in termini di affidabilità e erogazione del servizio, modalità di funzionamento e rispetto delle normative vigenti, delle assicurazioni ?classiche?. Si differenziano da queste unicamente per tre elementi. Innanzitutto offrono polizze RC auto soprattutto di tipo bonus/malus e non in franchigia. Questi due termini identificano le due tipologie di assicurazione per la responsabilità civile della vettura. Zuritel, Onlinear e le altre compagnie on-line permettono comunque all’utente di stabilire un eventuale scoperto in modo da abbassare in maniera corrispondente il premio finale. L’assicurazione nella forma bonus/malus è la modalità più nota e diffusa. Questa prevede una scala di 18 classi di merito alle quali viene assegnato il contratto. Secondo quanto stabilito dalla circolare 555/D del 17 maggio 2005 questa scala è la medesima per tutte le compagnie. Queste però hanno la possibilità di crearne una personalizzata in modo che gli utenti provenienti da compagnie concorrenti siano assunti a carico secondo la classe prevista dalla scala generale (detta anche classe di merito CU, conversione universale) mentre i passaggi da una classe all’altra all’interno della medesima compagnia sono regolati secondo la scala di classi personalizzata dall’assicurazione. È bene ricordare che il verificarsi di un sinistro (ma non quello di un furto o di un incendio) durante l’anno coperto dalla polizza causa l’aumento della classe di merito, mentre l’assenza di incidenti ne determina la diminuzione. Le auto di nuova immatricolazione o di prima assicurazione dopo la voltura sono assegnate a una classe di merito dedicata, in genere la quattordicesima secondo la scala CU. Nel caso invece di un’assicurazione con franchigia l’utente, a fronte di un costo inferiore della polizza, contribuisce al risarcimento di ogni sinistro, pagando un importo prefissato. Questa tipologia di assicurazione non è molto diffusa per la autovetture private, ma è utilizzata per gli automezzi commerciali. Il secondo elemento che contraddistingue le assicurazioni on-line è che il rapporto con il cliente, dalla stipulazione del contratto alla comunicazione e gestione dei sinistri fino all’assistenza, è gestito a distanza via telefono, e-mail o attraverso moduli disponibili on-line. L’ultima, e più importante caratteristica di DirectLine, Genialloyd e delle altre compagnie on-line è la durata: mentre l’RCA stipulata nel modo convenzionale si rinnova automaticamente di anno in anno a meno che non si provveda a dare disdetta entro i termini fissati dalla legge, le assicurazioni on-line non prevedono il tacito rinnovo, né prevedono l’obbligo di comunicazione della disdetta, ma durano un anno. Al termine di questo l’utente, ma (attenzione!) anche la stessa società assicuratrice (soprattutto se siete un’automobilista anche solo un può ?indisciplinato?), può decidere se rinnovare l’assicurazione o meno. Secondo quando stabilito dal Codice delle Assicurazioni Private introdotto con il Dlgs n.209 del 07/08/2005, ma in vigore dal 1° gennaio 2006, è ora possibile comunicare la disdetta dalla propria compagnia con un preavviso di 15 giorni, e non più di 30 come era previsto in precedenza, dalla scadenza della polizza. La disdetta può essere presentata non solo tramite raccomandata con ricevuta di ritorno, ma anche tramite fax. Nel caso poi che la compagnia assicuratrice abbia stabilito un aumento della polizza superiore al tasso di inflazione previsto (per il 2006 è fissato all’1,7%) è possibile comunicare la disdetta anche senza rispettare il termine di 15 giorni, purché la si consegni con una raccomandata a mano direttamente all’agenzia. Una volta che abbiate comunicato la disdetta accertatevi che la vostra compagnia precedente vi abbia consegnato (per legge è obbligata a farlo) l’attestato di rischio. Si tratta del documento che descrive la storia assicurativa di chi stipula l’assicurazione, comunica gli eventuali sinistri riportati nei cinque anni precedenti, e riporta, nel caso di un’assicurazione bonus/malus, la classe di provenienza, e quella di assegnazione CU nel caso di passaggio da una compagnia all’altra. Passare dunque da una polizza assicurativa tradizionale a un on-line è dunque oggi molto più facile di una volta.

Alla prova dei fatti Stipulare una polizza auto direttamente on-line risulta piuttosto semplice. Occorre certo prestare la massima attenzione nella scelta delle opzioni che descrivono correttamente il proprio caso (proprietario dell’auto, data di immatricolazione della vettura, classe di provenienza) ma districarsi tra le singole voci è piuttosto agevole. Talvolta alcuni passaggi del processo relativo al calcolo del preventivo non sono di immediata comprensione (come per esempio la scelta dell’opzione relativa alla situazione assicurativa nella procedura del calcolo del preventivo con Genertel), ma nulla di terribilmente complicato. È possibile poi fornire un perfetta descrizione degli optional e dell’allestimento della propria vettura in modo da estendere la copertura assicurativa anche alle garanzie accessorie in modo da avere la più completa libertà nella personalizzazione della propria RCA. Occorre rispettare alla lettera alcune previsioni, come la data del rilascio della patente, l’indicazione che il guidatore principale del veicolo sia anche proprietario o la comunicazione dei sinistri avuti negli ultimi anni, altrimenti si rischia di incorrere nell’annullamento del contratto o in denunce penali. Particolare attenzione deve essere prestata nell’indicare l’età dell’eventuale guidatore non titolare della polizza. Occorre specificare con precisione se vi siano altri conducenti che abbiano, a seconda dei casi, meno di 23, 25 o 26 anni o che abbiano la patente da meno di due o tre anni. In caso positivo il prezzo della polizza subirà un incremento, ma se si comunica il falso l’assicurazione può rivalersi sull’assicurato e denunciarlo e voi vi trovereste in un mare di guai. Per le indicazioni relative ad altre opzioni, invece, le compagnie on-line tendono a essere piuttosto tolleranti. È questo il caso della scelta dei chilometri di percorrenza media previsti all’anno. Nel corso dell’indagine di Computer Idea un operatore è arrivato perfino a consigliarci di passare, nella scelta della stima dei chilometri percorsi all’anno, da 40.000 a 10.000 chilometri, in modo da abbassare il prezzo del premio finale e renderlo più attraente. Nel caso in cui il preventivo sia considerato troppo caro, tutte le assicurazioni on-line permettono agli utenti di abbassare il massimale e di inserire un eventuale scoperto in modo da far calare il costo della polizza. Il fatto poi che i rapporti con l’assicurazione debbano essere gestiti a distanza può rivelarsi un’insormontabile barriera all’ingresso per tutti coloro che preferiscono interloquire con una persona guardandola in faccia invece che parlando tramite la cornetta del telefono. A loro merito va ricordato, ma è stato anche riscontrato dall’indagine di Computer Idea, che i settori dedicati all’assistenza clienti delle assicurazioni on-line sono in termini di competenza e cortesia, anni luce avanti a quelli di altri mercati (come quello telefonico, per esempio) e che in alcuni casi, come Genialloyd e Directline, raggiungono livelli di eccellenza. Infine è bene ricordare che la durata annuale di una RCA on-line è una caratteristica che va a beneficio non solo dell’utente, ma anche dell’assicurazione stessa. A fronte di premi particolarmente economici può capitare che sia questa stessa a rifiutare il rinnovo della polizza nel caso che nell’anno precedente si siano verificati sinistri che abbiano richiesto un significativo esborso di denaro. Infine, visto che il calcolo del preventivo è gratuito, prima di scegliere un operatore provateli tutti in modo da trovare l’offerta per voi più conveniente.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore