Gli indirizzi e-mail non sono pubblici come su elenchi telefonici

NetworkProvider e servizi Internet

Gli indirizzi di posta elettronica non sono liberamente utilizzabili da chiunque per il solo fatto di trovarsi in rete

Roma – Gli indirizzi di posta elettronica non sono liberamente utilizzabili da chiunque per il solo fatto di trovarsi in rete. La vasta conoscibilita degli indirizzi e-mail che Internet consente, non rende lecito luso di questi dati personali per scopi diversi da quelli per i quali sono presenti on line. Gli indirizzi e-mail non sono, insomma, pubblici come possono essere quelli presenti sugli elenchi telefonici. Il principio e stato ribadito dallAutorita Garante, -reso noto nella newsletter di cui al sito Garante per la protezione dei dati personali-, che ha affrontato in questi ultimi mesi diversi casi di utenti che avevano segnalato la pratica ormai diffusa di inviare e-mail commerciali ad indirizzi di posta elettronica raccolti in rete. Alle proteste degli utenti, le societa che avevano inviato le e-mail rispondevano che non vi era stata alcuna violazione della privacy perche gli indirizzi erano stati reperiti su Internet (spesso attraverso appositi software) e che pertanto erano pubblici. Niente di piu sbagliato, afferma lAutorita. Gli indirizzi di posta elettronica non provengono, infatti, da pubblici registri, elenchi, atti o documenti formati o tenuti da uno o piu soggetti pubblici e non sono sottoposti ad un regime giuridico di piena conoscibilita da parte di chiunque. Per poter inviare e-mail senza violare la privacy degli utenti web e obbligatorio, dunque, ottenere prima il loro consenso. [ STUDIOCELENTANO.IT ]

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore