Gli Isp non responsabili direttamente sul copyright

Network

Il Parlamento Europeo non accoglie la proposta di legge che li voleva responsabili diretti di tutto il materiale dei loro server

Gli Isp (Internet Service Provider) possono tirare un sospiro di sollievo. La scorsa settimana il Parlamento Europeo ha votato contro lemendamento che li voleva responsabili per i contenuti veicolati dai loro server. Il Parlamento ha sostanzialmente accettato le direttive sul copyright, ma non ha accolto la proposta di legge che voleva Isp e Asp (Application Service Provider) responsabili penalmente per tutte le informazioni in violazione del copyright, residenti sui loro server. In ogni caso è stato ribadito che gli Isp dovranno farsi carico del monitoraggio su tutti i dati che passano attraverso i loro sistemi. Simon Stokes, legale esperto sul diritto dautore, avverte che gli Isp rimangono responsabili nel caso siano a conoscenza che i dati residenti sui loro mainframe, non sono conformi al copyright. In questo caso i service provider devono intervenire immediatamente e rimuovere il materiale illegale.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore