Gli scandali economici Usa rilanciano la sfida tra America ed Europa per la leadership sui mercati finanziari worldwide

Workspace

La Ue cerca di trasformare la sua immunità ai crack in un punto di forza, ma nel Vecchio Continente la ripresa economica tarda a ripartire

Secondo una vecchia regola non scritta ma codificata dal tempo, tutto quello che succede dallaltra parte dellOceano Atlantico (costumi, novit, mode, trend, scandali) arriva in Europa con alcuni mesi (un anno e anche pi, in certi casi) di ritardo. Stando al parere degli analisti finanziari, dovrebbe essere cos anche per i dissesti che stanno sconvolgendo leconomia del Paese pi ricco e pi potente del mondo. Anzi, secondo alcuni di questi ricercatori, gli scandali economici tipo Enron e Worldcom non dovrebbero arrivare affatto nel Vecchio Continente. Ma landamento delle Borse europee della scorsa settimana sembra indicare – se non esattamente il contrario – che almeno qualche bacillo del morbo che sta attanagliando gli States, sia gi arrivato anche da noi. Vediamone i motivi. La giornata di venerd 19 si era chiusa male per via di Ericcson, il cui cattivo andamento aveva fatto pendant con quello di un altro colosso scandinavo dellIct, Nokia. Ci si era poi messa anche Vivendi-Universal ad aggravare la situazione, anche se tutti (o quasi) si erano subito affannati a dire che si trattava di un fatto isolato e quindi non preoccupante. In attesa degli imminenti risultati di Alcatel e di StMicroelectronics, resta per il fatto che i mercati finanziari europei non sono assolutamente brillanti, essendosi appiattiti da tempo ai livelli del 1998. A questa tendenza fa da contraltare il fatto che la macro-economia dei Paesi dellUnione sembra comunque tenere, anche se sono gi molti gli operatori che hanno incominciato a cedere azioni a destra e a sinistra, senza stare a valutare troppo il company profile degli acquirenti, proprio per effetto dei crolli americani. In situazioni di contrappasso come quella che sta dominando negli Usa, del tutto normale che si innestino – su tutte e due le rive dellAtlantico – fenomeni o perlomeno spinte speculative. Adesso il punto quanto durer e come finir in America il confronto tra la ripresa economica, che comunque gi ripartita da tempo e gli inevitabili contraccolpi degli scandali economici. Non da escludere che gli Stati Uniti siano per qualche tempo (resta da vedere quanto) un Paese a due velocit, che si dovr confrontare tra la marcia innestata della ripresa economica e la retromarcia dei crack finanziari. Da parte sua, lEuropa – che sostanzialmente pare immune allinfezione virale degli scandali economico-finanziari – deve per darsi da fare per avviare la ripresa economica, non ancora ripartita nonostante che ci siano molti esponenti politici di alcuni Paesi dellUnione che cercano di contrabbandare qualche sprint isolato per una specie di rush di gruppo.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore