Gli smartphone NFC per comprare il biglietto Atm sul tram a Milano

AccessoriE-paymentMarketingMobilityWorkspace
NFC su iPhone 6: i rumors della vigilia

Atm e Telecom Italia testano il nuovo servizio “Mobile Pass” per acquistare il biglietto dell’autobus direttamente con un cellulare Samsung. Ma vediamo quali altri cellulari e smartphone sono pronti per la tecnologia NFC

La tecnologia NFC sbarca su tram e autobus a Milano. Atm e Telecom Italia lanciano il nuovo servizio “Mobile Pass”, un servizio di mobile ticketing su larga scala, basata su tecnologia a corto raggio Nfc (Near Field Communication), per consentire ai cittadini milanesi di acquistare e convalidare i “biglietti in versione mobile” direttamente con il telefonino. Dall’11 aprile con Mobile Pass sara’ infatti possibile comprare comodamente con il cellulare tre tipologie di abbonamento Atm mensile e urbano – ordinario, studenti e senior – senza doversi recare presso un punto vendita. Per candidarsi al test bisogna essere abbonati ad Atm, avere un’utenza Tim e un account Paypal: quindi è necessario attivare la richiesta sul sito dedicato. I candidati selezionati da Atm riceveranno gratuitamente i telefonini Samsung GT – S5230N Edge Quad Band con le Sim Card.

Ma quanti sono i cellulari e smartphone con tecnologia NFC? Da anni Nokia ha lanciato, dopo il modello 6212 Classic dotato di tecnologia Near Field Communication (Nfc), anche il nuovo 6216 Classic. ANCHE Samsung Galaxy S2 è un leggerissimo smartphone dual core e con NFC.

La tecnologia per i pagamenti wireless è già supportata da Android Gingerbread. Ciò significa che anche lo smartphone Google Nexus S potrà essere utilizzato come un borsellino elettronico. Dopo aver acquisito  lo scorso dicembre la start-up Zetawire, specializzata in un brevetto per un sistema integrato con la tecnologia per il pagamento mobile NFC, Google si appresta a studiare l‘integrazione tra smartphone e tag RFID, testando centinaia di speciali registratori di cassa e POS di Verifone Systems a New York e San Francisco, nel corso dei prossimi quattro mesi. I cellulari con chip NFC potranno non solo pagare, ma anche raccogliere  punti ed effettuare abbonamenti dove consentito.

Rim ha detto che i clienti della Bank of America potranno effettuare pagamenti nei negozi che accettano Mastercard PayPass a partire da questa primavera grazie a BlackBerry abilitato all’NFC.

Pare invece che Apple preferisca introdurre solo fra un anno un suo protocollo NFC, legando i pagamenti ad iTunes attraverso accordi con Visa o Mastercard. Dalle ulòtime indiscrezioni (vedi Gizmodo) emerge che l’iPhone supporterà l’NFC grazie ad un chip di Qualcomm: “Sfortunatamente non sono stati in grado di confermare se si tratti dell’iPhone 5 o se la notizia non si riferisca ad una versione ancora successiva dello smartphone di Cupertino. Uno di loro, comunque, ha affermato che i pagamenti avverranno tramite iTunes, cosa che di cui abbiamo già sentito parlare come di una funzione che Apple includerà nell’iPhone del 2012“.

Entro il 2014 i pagamenti NFC raggiungeranno un terzo delle transazioni mobili. Secondo il Politecnico di Milano un italiano su 3 possiede uno smartphone ed è pronto ad usarlo lo shopping. Dall’acquisto dei biglietti di bus e treni, al pagamento di taxi e all’ingresso in cinema e teatro. Il Mobile Proximity Payment in Italia è ai suoi primi passi e si sviluppano le prime iniziative di pagamenti senza fili (Contactless Payment) con 350.000 carte emesse e i circa 2.000 POS abilitati in poco più di un anno. In Italia il telefono cellulare raggiunge l’85% della popolazione italiana, con una penetrazione che è seconda solo a quella della Tv.

Blackberry con NFC in test a BoFA
Blackberry con NFC in test a BoFA
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore