Gli utenti della banda larga vogliono pagare online

NetworkProvider e servizi Internet

La banda larga potrebbe essere la chiave per il guadagno online

Secondo quanto risulta da una recente ricerca, gli utenti della banda larga sono sempre più disposti ad effettuare pagamenti online. La ricerca, condotta dalla società di ricerca Jupiter, effettuata sui consumatori europei, ha evidenziato che un quarto degli utenti della banda larga sarebbe pronto ad acquistare musica in rete. In confronto, gli utenti di connessione telefonica, sarebbero solo il 18%. Il 18% degli utenti della banda larga pagherebbe per contenuti video, contro l11% degli utenti di connessione telefonica normale. Il cambiamento di tendenza degli utenti che hanno sperimentato servizi di rete veloci, non potrà che essere musica per le orecchie dei content provider, che tentano disperatamente di trovare fonti di guadagno alternative ai servizi online. Secondo lo studio di Jupiter, il 41% del totale degli utenti di internet sostiene di non essere ancora disposta a pagare per i contenuti su internet. Non si è verificato un cambiamento sensazionale nei comportamenti degli utenti europei, riguardo il pagamento online per contenuti web, si è trattato piuttosto di un cambiamento graduale dice Olivier Beauvillain, analista di Jupiter. La notizia buona è che si ritiene sia la banda larga il fattore principale dietro questo cambiamento. Gli utenti della banda larga sono più propensi degli altri a pagare per musica, giochi e video. In Gran Bretagna, le misure per convincere gli utenti a passare alla banda larga si intensificano rapidamente. Seguendo un blocco temporaneo dei prezzi della British Telecom per la connessione, linternet provider Demon ha deciso di rinunciare al pedaggio per la connessione per tutti i suoi prodotti broadband. Gli utenti che passano al servizio ADSL di Demon pagano 24 dollari al mese e non più i 50 dollari previsti come costo fisso di conessione. Questa mossa potrebbe persuadere un maggior numero di utenti a passare alla banda larga, dice Dan Cole, product manager di Demon. I costi di connessione sono una barriera economica e psicologica. La connessione gratuita sarà disponibile a partire dal mese di marzo, ma Demon si augura che la British Telecom renda il blocco dei prezzi generale e permanente per poter estendere la sua offerta. La British Telecom si è impegnata ad acquisire un milione di utenti della banda larga entro il prossimo anno e ritornare al vecchio sistema dei costi di connessione non aiuterebbe la sua missione aggiunge Cole.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore