Gmail in tilt in tutto il mondo

Management

Il black-out mondiale della Webmail di Google ha lasciato 30 milioni di utenti per quattro ore, senza posta elettronica. Ora è tornata online

Il mercato Saas e il cloud computing avanzano, ma il black-out di Gmail deve essere suonato come un campanello di allarme. Il crash mondiale della Webmail di Google ha lasciato senza posta elettronica 30 milioni di utenti (e senza servizi della BigG, 113 milioni di utenti) per quattro ore: è stato il panico, anche se la posta di Google era comunque utilizzabile tramite il protocollo IMAP. Google ha appena finito di lavorare per ripristinare il servizio (tornato su da pochi minuti) e individuare la causa del tilt.

Un grave problema tecnico ha mandato in tilt Gmail. Gli utenti di Gmail sono 30 milioni nel mondo, cresciuti del 43% nell’ultimo anno. Un altro black-out, ma più breve, era accaduto lo scorso 31 gennaio , quando per 55 minuti, chi effettuava ricerche in rete su Google, si vide bloccare la propria attività: la blacklist segnalava un’invasione malware, che in effetti non esisteva. Altri guasti significativi erano successi lo scorso agosto.

Su Twitter , di fronte alle proteste e lamentele degli utenti, l’advertising community blogger di Microsoft Uk ha fatto pubblicità a WindowsLive per chi necessitava di un account di posta elettronica al volo. Facebook e Twitter hanno fatto da sponda a chi era rimasto senza Webmail.

Invece, Gmail su iPhone ora funziona anche offline: il video è su iPhoneBuzz .

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore