Google accusata di evasione fiscale in Europa

Autorità e normativeAziendeMarketingMercati e FinanzaNormativaTassazione
Corte di Giustizia UE: Bocciati equo compenso ed esclusiva a Siae

Un’inchiesta giornalistica afferma che Google in Europa avrebbe sfruttata una complessa rete societaria per non pagare cartelle esattoriali per 3 miliardi di sterline. In Gran Bretagna ed altri 5 paesi

Un’inchiesta del Sunday Times punta il dito contro Google accusata di una colossale evasione fiscale pari a 3 miliardi di sterline. L’inchiesta giornalistica afferma che Google in Europa avrebbe sfruttata una complessa rete societaria per non pagare cartelle esattoriali per 3 miliardi di sterline. In Gran Bretagna ed altri paesi nell’ultimo quinquennio. Invece di versare i tributi in Irlanda, Olanda e Regno Unito, Google è accusata di aver dirottato gli introiti alle Bermuda.

Google ha versato soltanto 3 milioni di sterline di tasse in Gran Bretagna, anche se gli introiti pubblicitari ammontano a 2 miliardi di sterline nel paese: dunque Google avrebbe dovuto versare 190 milioni di sterline. Il giornale britannico sottolinea che Google godrebbe del sostegno del primo ministro inglese Cameron e del cancelliere Osborne.

Il Sunday Times non si limita alle imbarazzanti accuse di elusione fiscale. Ma racconta anche gli intrecci fra dipendenti di Google e i conservatori inglesi. Da tempo anche l’editorialista del Corriere della Sera, Massimo Mucchetti, accusa Google di elusione in Italia: se Google Italy è un “soggetto economico responsabile” dovrebbe pagare le tasse anche in Italia (e non in Irlanda dove ha sede). Ma ora pare che neanche le paghi in Irlanda, bensì alle Bermuda.

Dove Google paga le tasse?
Dove Google paga le tasse?
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore