Google acquisisce Fly Labs, l’azienda che non voleva sviluppare app per Android

AcquisizioniAziende
1 1 Non ci sono commenti

Migliorare le funzioni video di Google Photos. È questo l’obiettivo per cui Mountain View ha proceduto all’acquisizione di Fly Labs, nonostante i precedenti

Fly Labs è conosciuta per le sue app per iOS che rendono particolarmente facile editare video al volo dai dispositivi mobili. Grazie a queste app, il team di sviluppatori ha attirato l’attenzione di Google e il gigante di Mountain View ha deciso di comprare l’azienda.

La notizia ora è confermata: Google ha acquisito Fly Labs. La ragione è evidente: migliorare le funzioni video di Google Photos.
In un comunicato pubblicato sul sito ufficiale l’azienda comunica l’acquisizione di Fly Labs da parte di Google definendola come “l’abbinamento perfetto” per sé e annunciando che la sua tecnologia sarà integrata in Google Photos.

Nei prossimi tre mesi, le app di Fly Labs (Clips, Crop, Fly e Tempo) saranno scaricabili. Tutte permettevano l’acquisto in-app di funzioni opzionali, ma in questi tre mesi Google permetterà di avere tutte le funzioni gratuitamente, anche quelle pro.
Ha un che di ironico vedere che Fly Labs viene acquisito da Google se si pensa che l’azienda non ha mai rilasciato app per Android e che il fondatore Tim Novikoff aveva dichiarato in un’intervista che le app per Android non sarebbero uscite perché “gli utenti iPhone apprezzano il buon design più di quelli Android”.
Google non si è lasciata fermare dalla presunta ostilità ed evidentemente, quelli di Fly Labs devono avere cambiato idea davanti all’offerta di Mountain View.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore