Google acquista Quicksee

AcquisizioniAziendeMarketing
Come Google gestisce le richieste dei governi

Nuova acquisizione di Google: nel settore delle mappe online. Intanto l’acquisizione di Ita Software è al vaglio dell’Antitrust Usa

Lo shopping di Google fa un passo avanti. Secondo TheMarker Google ha acquisito per 10 milioni di dollari Quicksee, la cui tecnologia può servire a migliorare Google Street View. Il servizio di Google a 360 gradi, “a livello della strada”, è usato sia da Google Maps che da Google Earth. Con l’acquisizione da parte di Google dell’azienda israeliana, Google può integrarla con la precedente acquisizione: quella di LabPixies. Ma Quicksee fa di più: trasforma i video in virtual tour interattivi. Cosa che darà una spinta alle mappe di Google, che saranno presto messe sotto pressione dall’ingresso di Apple nel mercato delle maps, dopo l’acquisizione di Poly9.

Le mappe 3D sono una killer application nel mercato smartphone: Apple vuole sempre più distinguere l’iPhone da Android, rinunciando – ove possibile – a Google.

Google aveva comprato LabPixies lo scorso aprile per 25 milioni di dollari, per costruire piattaforme su cui girano Android, App Engine, iGoogle e lo stesso Web. LabPixies offre una collezioni di giochi e utility leggere che girano su iGoogle (l’home page personalizzabile di Google), su Apple iPhone e su Android.

A fine agosto, invece, sempre Google ha acquistato Angstro nell’emergente mercato del social networking. Angstro è una startup specializzata in news e informazioni attraverso Facebook. In particolare Angstro ha sviluppato applicazioni per trovare fotografie su Facebook, combinare Caller ID con i profili di LinkedIn ed altri tool dedicati a Twitter, il micro-blogging da 140 caratteri.

Negli ultimi mesi il motore di ricerca di Mountain View ha acquisito Ita Software per 700 milioni di dollari, Agnilux, Plink (ricerca per immagini), Episodic, On2, ReMail e DocVerse (per dare l’assalto al cloud di Microsoft, il cui Office Web Apps è sulla rampa di lancio per sfidare Google Docs e Apps). L’acquisizione di Ita Software è al vaglio dell’Antitrust Usa, mentre quella di AdMob è stata approvata nelle scorse settimane.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore