Google aggiorna le mappe per prenotare Uber e ristoranti

ManagementMarketingMobilityNetwork
Google Maps adotta il Material Design: ora si prenota un corsa con Uber o un tavolo al ristorante, dalle mappe di Google
1 4 Non ci sono commenti

Il material design sale su Google Maps e porta novità interessanti. Ora Uber e ristorante si prenotano direttamente dalle mappe

Google Maps si è rinfrescato ed ora permette di prenotare un posto nei ristoranti locali tramite l’integrazione con OpenTable. Il servizio funziona solo dov’è attivo OpenTable, ma l’aggiornamento è possibile grazie al linguaggio del nuovo desing di Google, ovvero il Material Desing, presentato alla conferenza sviluppatori Google I/O. Basta aprire Google Maps su Android o iPhone, per notare le differenze: Google ha aggiornato le mappe per prenotare Uber e ristoranti, direttamente da Google Maps.

L’aggiornamento sarà disponibile per Android e iPhone nell’arco delle prossime ore o giorni. Gli utenti, accedendo alle mappe, potranno con un tocco ricevere maggiori informazioni su ciò che si trova in quell’area, compresi i ristoranti. Con un ulteriore tocco, potranno prenotare un tavolo in un locale, direttamente da Maps, ma potranno ottenere informazioni sul servizio auto Uber, il tempo stimato all’arrivo dell’auto e i prezzi del percorso per raggiungere la meta.

Google Maps adotta il Material Design: ora si prenota un corsa con Uber o un tavolo al ristorante, dalle mappe di Google
Google Maps adotta il Material Design: ora si prenota un corsa con Uber o un tavolo al ristorante, dalle mappe di Google

Il material design sbarca non solo sull’applicazione Mappe, ma anche su Gmail e Calendario.

Per rendere l’OS più semplice d’uso, Google adotta “Material Design“, destinata a rimpiazzare l’interfaccia utente di Android 4.4 KitKat: Matias Duarte di Google ha dichiarato che servirà a semplificare Android, rendendolo più adattabili ai diversi form factor. Google lavora a una “UI consistente per tablet mobili ed oltre”. Il design è piatto e minimalista, più simile a iOS 7, ma non è  translucente. Effetti d’ombreggiatura aggiungono profondità al design. La riprogettata user interface (UI) introduce anche nuove notifiche. Ma la streamline diventa più fluida: si può sapere qualcosa di urgente senza dover interrompere ciò che si stava facendo. L’accesso alle notifiche dal lock screen diventa istantaneo.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore