Google al servizio del malware

Sicurezza

Prima o poi sarebbe accaduto. Grazie all’indicizzazione globale di Google, si
possono ora ricercare i codici sorgenti dei malware in Rete

MOUNTAIN VIEW, CA (USA). Un ricercatore esperto in sicurezza, H.D. Moore, ha creato un nuovo motore di ricerca che sfrutta Google per scovare tutti i malware presenti in Internet. L’idea, in realtà, era già stata concretizzata in un certo modo da WebSense, che pochi giorni fa aveva creato un sistema per ricercare file eseguibili dannosi tramite Google. Rimasto insoddisfatto di questo sistema, poiché dedicato a specifiche mailing list di sicurezza, Moore ha deciso di creare un vero e proprio motore di ricerca che sfrutta Google per ricercare codici dannosi sul Web. Metasploit, questo il nome dell’applicativo, usa il servizio ‘Google SOAP Search API’, che permette agli sviluppatori di software di interrogare miliardi di pagine web direttamente dai propri applicativi. Il nuovo search engine può individuare oltre 300 differenti codici sorgenti di altrettanti malware. Sfortunatamente (o fortunatamente?), al momento non si riescono a trovare con facilità molti risultati da Metasploit, poiché Google non ha indicizzato molte pagine contenenti malware. Moore afferma, però, che aggiornerà il database con altri 6.000 elementi a breve. [ StudioCelentano.it ]

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore