Google Base punterà alle applicazioni su Web

NetworkProvider e servizi Internet

Gartner e Forrester Research analizzano la nuova sfida del motore di ricerca

Google Base, il nuovo progetto della grande G, non è una sfida diretta a eBay. Whit Andrews, della società di analisi Gartner, vede in Google Base una sfida dagli orizzonti più ampi: si tratta di un piano per creare un vasto database per tutti i generi di informazione, utilizzabili dagli sviluppatori software per potenziare le proprie applicazioni: un database online per alimentare le applicazioni su Web. Le analisi di Gartner non sono fondate su indiscrezioni su Google, ma si basano sulle screenshot circolate su Google Base ( www.flickr.com/photos/dirson /). Da queste schermate, unite alle precedenti indiscrezioni si Google Wallet, nasce la voce di una competizione con PayPal e la piattaforma eBay. Tuttavia Google sta forse cercando una nuova via, accanto ai suoi Web crawl e al programma Google Sitemaps, per invitare gli utenti a inviare contenuti a Google in modo semplice e intuitivo. Si tratterebbe, sotto quest’ottica, di nuove opportunità per le solite offerte di Google. Quindi, Google potrebbe usare Base per riempire, grazie alle segnalazione degli utenti, i servizi Froogle e Local con contenuti della deep Internet, non raggiunti o inaccessibili al motore di ricerca: questa è l’analisi anche di Forrester Research.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore