Google batte Oracle nel contezioso su Java e Android

Autorità e normativeGiustizia
Google batte Oracle nel contezioso su Java e Android
0 0 Non ci sono commenti

La giuria, infatti, ha ritenuto legittimo l’uso di Java da parte di Google Android, il sistema operativo che gira su oltre l’80% dei dispositivi mobili

La corte federale di San Francisco ha dato ragione a Google nel contezioso su Java. Oracle accusava il motore di ricerca di Mountain View di aver violato alcuni brevetti legati a Java nel sistema operativo Android. L’azienda chiedeva un risarcimento pari a 9 miliardi di dollari di danni, ma il tribunale californiano ha dato ragione a Google. Ma Oracle non getta la spugna ed annuncia ricorso contro la decisione della corte, in quanto ritiene che il motore di ricerca abbia “infranto coscientemente, direttamente e ripetutamente la proprietà intellettuale di Oracle per quanto riguarda Java”.

Google batte Oracle nel contezioso su Java e Android
Google batte Oracle nel contezioso su Java e Android

Tuttavia, in tribunale Google ha battuto Oracle: la giuria, infatti, ha ritenuto legittimo l’uso di Java da parte di Android, il sistema operativo che gira su oltre l’80% dei dispositivi mobili.

L’ex Ceo di Google, Eric Schimdt, in precedenza aveva lavorato in Sun Microsystems, la società che ha sviluppato Java, poi acquisita da Oracle nel 2010. Ai giurati Schimdt ha spiegato che Google ha il diritto di impiegare Api senza licenza a patto di affidarsi a un suo codice.

Oracle denunciava il fatto che Google, violando i brevetti Java, avesse ottenuto 21 miliardi di dollari di profitti da più di tre miliardi di dollari di applicazioni.

– Conoscete la storia di Android? Mettetevi alla prova con un Quiz!

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore