Google corre ai ripari contro lo spam con Captcha da ruotare

CyberwarSicurezza

Google aggiorna il sistema di protezione a numeri e caratteri camuffati CAPTCHA (da Completely Automated Public Turing Test to Tell Computers and Humans Apart) per distinguere operazioni fatte con bot automatici da quelle umane

Nel 2008 sono caduti sul Captcha quasi tutti: il sistema di protezione a numeri e caratteri camuffati CAPTCHA (da Completely Automated Public Turing Test to Tell Computers and Humans Apart) per distinguere operazioni fatte con bot automatici da quelle umane, era stato violato. Lo aveva rivelato il Websense Security Labs secondo il quale gli spammer avrebbero sfruttato i servizi Live Hotmail scavalcandone le protezioni.

Adesso Google corre ai ripari contro lo spam proteggendo gli accessi online contro le email spazzatura, con Captcha da ruotare.

L’approccio è diventato più complesso per impedire violazioni da parte degli spammer. Il nuovo Captcha da ruotare è qui illustrato (Pdf).

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore