Google dice addio a Wave

ManagementMarketingNetwork

Google chiude anzitempo il progetto Wave per la comunicazione e la collaborazione online in tempo reale. Troppo poco utilizzata dagli utenti per continuare a sopravvivere. Era stato lanciato a maggio 2009

A poco più di un anno dalla presentazione, Google decide di sospendere o, chissà forse di chiudere definitivamente il progetto Wave, la piattaforma Web che permette agli utenti collegati di comunicare e collaborare in tempo reale e in un ambiente remoto virtualizzato. L’idea era tutt’altro che sbagliata, forse non praticolarmente originale: le email sono diventate uno strumento spesso abusato, facilmente manipolabile dagli spammer, limitato per lo scambio di file e vulnerabile per quanto riguarda la veicolazione di virus. Senza contare il fattore tempo: lentezza del delivery e sovraccarico dei server possono dilatare eccessivamente il tempo tra l’invio e la ricezione di una email. Wave invece integra in un’unica applicazione Web gli account Gmail, Google Docs, Google Calendar, oltre a feed RSS e profili social. E allora perchè Google ha deciso di porre fine al progetto?

Banalmente per una questione di numeri. Pochi utenti hanno aderito a Wave, si sono registrati e hanno iniziato ad utilizzare gli strumenti disponibili. Sui motivi di un così modesti successo di Wave ci si potrebbe interrogare a lungo: forse gli utenti non sono ancora pronti al concetto di online communication, forse hanno ancora bisogno di avere il file di testo o il foglio di Excel salvato nella cartella Documenti, forse l’applicazione web è vista come poco affidabile, poco sicura e non adeguatamente riservata.

Google, da parte sua, non è sembrata sin dall’inizio interessata a spingere Wave con campagne di comunicazione specifiche e martellanti. Diversa la sorte di Google Buzz, integrato in Gmail e quindi “aggregato” agli account degli utenti come servizio aggiuntivo e non, come invece era accaduto con Wave, come un prodotto indipendente e slegato, seppur completo. Domande che restano senza una risposta e, in ogni caso, quale che ne sia la causa, Google ha deciso di spegnere Wave poco più di un anno dopo averlo lanciato.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore