Google-DoubleClick sotto esame Antitrust negli Usa

Autorità e normativeNormativa

La Federal Trade Commission, che monitora anche la privacy online, vuole
vederci chiaro

L’accordo Google-DoubleClick, che aveva sollevato perplessità fin dall’inizio in materia di privacy, finirà sotto esame della Federal Trade Commission. La Ftc statunitense monitora anche la privacy online: è stata scelta al posto del Dipartimento di Giustizia. Gli esperti Antitrust ritengono che se verrà svolto un secondo passaggio (con un’ulteriore richiesta di informazioni), vorrà dire che la proposta di acquisizione solleva più problemi antitrust. Poiché Google colleziona la storia della ricerca online degli utenti, mentre DoubleClick traccia quali siti Web le persone visitano, sommando le due competenze, verrebbe a crearsi un colosso, mai visto finora, con accesso al maggior numero di informazioni online sugli utenti: inoltre, sotto il profilo antitrust, se si riduce la competizione, c’è meno tutela della privacy. Google, comunque, si dice ottimista circa l’approvazione dell’accordo. Certo, Google non dorme proprio fra due cuscini: non solo è al suo esame antitrust Usa, ma è anche sulla graticola in Europa per questioni legate alla privacy. Il tutto mentre il mercato dell’advertising si sta consolidando in gran fretta: nell’arco di poche settimane, WPP ha acquisito 24/7 Real Media; Microsoft, che aveva fatto pressione per un’inchiesta antitrust sull’accordo Google-DoubleClick, ha comprato Aquantive, e Yahoo si è aggiudicata Right Media.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore