Google e l’AD blocker in Chrome, una mossa per controllarne la diffusione

Autorità e normativeCensura
A Google costa cara la fuga degli inserzionisti da YouTube

Google studia un ad blocker per il suo browser, ma sul tema si muove anche Microsoft. La mossa è pensata per riprendere il controllo sulla proliferazione degli ad blocker di terze parti e tenere in mano le regole del gioco

Tra le prime fonti a riportare la notizia addirittura si è scomodato il Wall Street Journal, semplicemente perché oramai queste decisioni hanno un diretto impatto sulla possibilità o meno di monetizzare la pubblicità, prima ancora che di carattere tecnologico. Non solo, Google non sarebbe nemmeno da sola a portare avanti l’idea di integrare un ad blocker nel proprio browser (c’è anche Microsoft). 

E se al momento non si conoscono i dettagli di questa caratteristica (implementazione, tecnologia, possibilità di gestione più o meno granulare), si sa però che dovrebbe riguardare tutte le versioni del browser, che probabilmente verrà presentata all’evento I/O 2017 e addirittura che Google potrebbe decidere di bloccare tutte le inserzioni da fonti che mostrano contenuti pubblicitari o banner offensivi.

Quali siano i contenuti di questo tipo lo decide Coalition for Better Ads, con cui Google sta collaborando attivamente (lo fanno anche Microsoft e Facebook, chiaro). Non solo, Google è il gigante di cui si parla di più, ma non poche fonti sul Web assicurano che il confronto sugli ad-blocker integrati nei browser siano una possibilità allo studio anche di Microsoft con Edge e di Facebook.

Si tratterebbe non di un sistema per il blocco completo degli ads, ma solo di quelli che vìolano appunto i dettami della Coalition (autoriproduzione video e audio, pop up, annunci troppo persistenti).

Coalition Mobile Web Experience
Coalition  for Better Ads – Mobile Web Experience

Sbaglia però chi pensa che Google (e compagnia) si stia muovendo contro i suoi propri interessi. E’ vero, i numeri parlano chiaro, per esempio è certo che almeno il 90 percento dei ricavi di Mountain View lo scorso anno (circa 89 miliardi di dollari) siano arrivati proprio dalla pubblicità, ma la  mossa ha più di un perché: il contesto in cui ci muoviamo, al momento abbastanza selvaggio, vede comunque il proliferare di sistemi ad blocker incontrollati e incontrollabili, e invece in questo modo proprio i big in un certo senso riprenderemmo in casa il controllo.

Le cifre parlano di 615 milioni di device che utilizzano ad blocker, e di +30 percento anno su anno nel loro utilizzo.  Solo negli USA gli Ad Blocker sono utilizzati dal 27 percento dei navigatori (la fonte del dato è eMarketer), in UK li usano il 27 percento ma in ogni caso è sempre maggiore il numero degli utilizzatori di Chrome.

Con un suo Ad Blocker, e la sua collaborazione con Coalition for Better Ads, Google può dire la sua su cosa sia accettabile e cosa non lo sia, e come e se vadano bloccate le inserzioni, se gli adv su internet hanno un valore, e lo hanno, meglio controllare anche quali sono veramente virtuosi e quali potrebbero danneggiare proprio chi di adv vive. 

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore