Google Gears va offline e la BigG acquista Panoramio

Aziende

Google fa un nuovo salto nel desktop per diventare un ecosistema di
informazioni e shopping nelle geo-foto

Google svela Gears , u n progetto open source multi piattaforma di application programming interface (API) in JavaScript per consentire alle applicazioni Web di lavorare offline. Google spera che Gears diventi lo standard per aggiungere funzionalità offline – data storage, applicazioni di caching e multi-threadingalle applicazioni online. Google ha già ottenuto il sostegno di Adobe Software, Mozilla Corporation e Opera Software. Anche Gartner considera l’annuncio particolarmente significativo e c’è chi vede in Google Gears una nuova mossa anti Microsoft per rendere Google (olre che un motore di ricerca e una piattaforma pubblicitaria) un ecosistema di informazion i. In parole povere, Google Docs & Spreadsheets si candida a essere usato offline. L’ecosistema di Google lavora inoltre grazie al software open source e all’open standard, l’unico approccio per il mondo connesso: Google rilascia anche Web Toolkit (GWT) 1.4 Release Candidate e si prepara per il Google Developer Day 2007, che aprirà le porte a 5mila sviluppatori. Possono sembrare pochi rispetto all’esercito di Microsoft: ma chiunque lavora nelle applicazioni Web open source, sta del resto lavorando per Google.

Google ha acquisito Panoramio, specializzata in geo-foto, che consente agli utente di rendere mappe le loro fotografie su Google Earth: la tecnologia collega l’esatta localizzazione geografica di dove sono state ritratte le foto alle location sulle mappe.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore