Google investe in un nuovo cablaggio sottomarino

NetworkReti e infrastrutture

Non sorprende l’iniziativa di installare un nuovo cavo, visto il bisogno di banda larga cresciuto del 63,7 per cento tra il 2002 e il 2007. Stupisce che sia proprio Gloogle a occuparsene

L’AZIENDA californiana di Mountain View ha annunciato il suo progetto di associarsi in un consorzio con altre cinque multinazionali per installare un cavo sottomarino, in aggiunta a quelli esistenti, che collegherà gli Stati Uniti al Giappone.

Come scrive Ars Technica , non sorprende l’iniziativa di installare un nuovo cavo, visto il bisogno di banda larga cresciuto del 63,7 per cento tra il 2002 e il 2007, quanto piuttosto il fatto che sia proprio Gloogle a occuparsene, unendosi a un consorzio di aziende di nome “Unity” che comprente Airtel, Global Transit, KDDI Corporation, Pacnet, e SingTel.

Tuttavia Google tiene a sottolineare che questa decisione non comporterà un cambio di rotta per l’azienda, in altre parole continuerà a occuparsi di ricerche sul web e di software.

Francois Sterlin, manager per le acquisizioni di Google Network, attraverso una nota scritta sul blog ufficiale di Google, assicura che l’azienda che rappresenta non ha intenzione di entrare in concorrenza con le telecom, “anche se il volume di dati che abbiamo bisogno di far circolare per il mondo è cresciuto a tal punto che in alcuni casi abbiamo superato la capacità che i player tradizionali sono in grado di offrire”. Insomma, in ogni caso sarà in grado di dire la sua.

Il nuovo cavo Unity, lungo 10.000 km, collegherà Chikura, in Giappone, a Los Angeles e sarà in grado di far transitare fino a 4800 Gbps attraverso l’intero cavo.

Tali prestazioni comporteranno un incremento di circa il 20% rispetto alla capacità attuale di transito di dati su banda larga tra gli Stati Uniti e l’Asia. Inoltre il cavo Unity è progettato in modo tale da permetterne una facile espansione.

L’installazione dovrebbe essere completata e operativa entro il primo trimestre del 2010. Costo dell’operazione, 300 milioni di dollari.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore