Google investe nel browser Maxthon

Aziende

Il motore di ricerca avrebbe offerto un milione di dollari per diventare il
search engine predefinito nel browser, popolare sul mercato cinese

In Cina il browser Maxthon ha una popolarità simile a Internet Explorer e Firefox. Google, per aumentare le ricerche online nell’ex Celeste Impero, da tempo sembra disposto a tutto: a chiudere un occhio sulla censura in Cina, ma anche a investire un milione di dollari per integrarsi come motore di ricerca predefinito (oggi il browser Maxthon offre come default Yahoo e Baidu). La partnership tra Google e gli sviluppatori di Maxthon sarebbe in corso da due mesi, ma finora non erano filtrate indiscrezioni in merito. La concorrenza sul mercato cinese del resto si fa sempre più serrata, e Google recentemente ha commesso una gaffe: aveva copiato gli ideogrammi di una rivale, poi ha presentato le proprie scuse a Sohu, chiudendo l’incidente diplomatico.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore