Google, l’anti pirateria su YouTube vale almeno 2 miliardi di dollari

Autorità e normativeNormativa
Siti di servizio: Sentenza UE su WiFi gratis, IoT e Industry 4.0, Ravvedimento operoso online, Premio innovazione, Open-F@b Call4Ideas 2016, Stop controllo a distanza, Bandi efficienza energetica
0 1 Non ci sono commenti

Google investe 60 milioni di dollari nell’anti pirateria. Ma BPI e l’italiana Fimi non sono soddisfatte, anche se se il sistema Content ID vale fra 2 e 3 miliardi di dollari

L‘anti pirateria non è un costo, ma genera guadagni. Lo afferma il motore di ricerca Google, che ha reso noto che il giro d’affari del sistema Content ID, usato da YouTube, vale 2 miliardi di dollari. I video individuati attraverso Content ID totalizzano, complessivamente, 3 miliardi di dollari, senza contare la promozione delle alternative legali ai contenuti piratati come Play Store.

La piattaforma Content ID, usata per la ricerca automatica dei video clip caricati violando il copyright su YouTube, è efficace nel 98% dei casi, solo il 2% dei video privi di autorizzazione richiede la rimozione manuale.

Google, l'anti pirateria vale 2 miliardi di dollari
Google, l’anti pirateria vale 2 miliardi di dollari

Google investe 60 milioni di dollari nell’anti pirateria. Ma BPI e l’italiana Fimi non sono soddisfatte: “Google ha la capacità e le risorse per fare molto di più per contrastare l’incredibile quantità di musica non autorizzata che è stata caricata ed è disponibile su YouTube“, accusa Fimi. Il sistema Content ID “fallisce nell’identificazione delle registrazioni tra il 20 e il 40% delle volte“, mentre “il motore di ricerca di Google continua ad indirizzare utenti online verso contenuti musicali senza licenza su ampia scala“.

Bpi è “uno dei principali promotori della pirateria del pianeta“, la recente infografica punta il dito contro Content ID, additato come propagandistico ed inefficiente, mentre proliferano i brani e video “illegali” caricati online dagli utenti.

YouTube America ha più spettatori delle trasmissioni Tv. Intanto Youtube prepara Unplugged, un servizio televisivo a pagamento, con un abbonamento mensile simile a Netflix. Solo su smartphone e tablet il sito raggiunge più 18-49enni che qualsiasi emittente televisiva: in prima serata viene raggiunto su YouTube più pubblico che i primi 10 programmi tv messi insieme” ha dichiarato Susan Wojcicki, numero uno di YouTube, nel corso dell’incontro annuale con i principali inserzionisti pubblicitari.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore