Google, le azioni andranno a ruba?

Workspace

L’annuncio di voler entrare in Borsa, ha scatenato un notevole interesse
tra i possibili investitori, ma non sono ancora chiari tutti i parametri.

L’entrata in Borsa del noto motore di ricerca ha scatenato un forte interesse tra gli investitori, ma ha anche suscitato forti dubbi tra gli esperti. Infatti, Google ha presentato la propria offerta presso la Securities Exchange Commissions, l’organo ufficiale di vigilanza della Borsa americana, ma non ha fornito tutti i dati relativi al collocamento. Si sa, per esempio, che attraverso la Ipo (offerta pubblica iniziale), Google vuole raccogliere 2.7 miliardi di dollari, ma non sono stati indicati né il numero delle azioni che verranno vendute, né di conseguenza il loro prezzo. L’interesse suscitato dalla notizia, per molti esperti, sembra far tornare il clima al 2000, anno in cui si verificò una febbre altissima per gli investimenti in Borsa legati alle nuove tecnologie e a Internet in particolare, ma che potrebbe essere un po’ fuori dalla realtà. E’ vero che la società di Larry Page e Sergy Brin, gode di ottima salute, tanto che nel 2003 ha registrato utili superiori ai 105 milioni, con un fatturato di circa 962 milioni, con un incremento del 176% rispetto al precedente esercizio, ma proprio il clima di eccessivo entusiasmo, spiegano gli economisti, potrebbe alzare troppo il costo delle azioni. E di conseguenza scoraggiarne l’acquisto. Ma altri ritengono che Google è un titolo che tutti vorrebbero avere, a prescindere dal suo costo, perché l’eccezionale trend di crescita della società non ha lasciato certo indifferenti. E dovrebbe continuare, secondo quanto dichiarano gli analisti. A curare il collocamento in Borsa di Google sono stati chiamati due importanti istituti di credito, la Credit Suisse First Boston e la Morgan Stanley, come advisor. Secondo indiscrezioni per loro si tratta di un affare da cento milioni di dollari, mentre alcuni esperti ritengono che la Ipo potrebbe fruttare a Google anche 20 miliardi di dollari.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore