Google nell’occhio del ciclone

Autorità e normativeNormativa

Google incontra una serie di ostacoli in Europa: prima è stata raggiunta dall’indagine dell’Antitrust Ue (come un tempo Microsoft e Intel: l’accusa è abuso di posizione dominante); poi il doppio colpo, la sentenza del Tribunale di Milano che ha condannato a sei mesi di carcere tre dirigenti di Google per violazione della privacy e diffamazione. Un uragano si è abbattuto su Google, già sotto pressione in Italia per una causa sul copyright intentata da Mediaset contro YouTube (l’azienda di famiglia del Premier Silvio Berlusconi ha chiesto un risarcimento da mezzo miliardo di dollari) e per via di Google News (sotto la lente dell’Antitrust italiano)

Si preannunciano tempi cupi per Google in Italia e in Europa. A Bruxelles è stata avviata un’indagine preliminare dell’Antitrust Ue su Google: a muoversi contro il motore di ricerca, sono stati i siti di comparazione prezzi, Foundem e Ciao di Microsoft. L’accusa è di monopolio e abuso di posizione dominante: in Europa Google deterrebbe una quota di mercato prossima al 90% (secondo Comscore– dati: gennaio -, Google detiene il 65.4% del mercato Usa, Yahoo! il 17% e Microsoft l’11.3%).

Secondo il Financial Times, l’Antitrust Ue esaminerà se Google penalizza i rivali potenziali nel suo search ranking, e se usa il massiccio market share del mercato search advertising europeo per tenere i prezzi della pubblicità (advertising online) artificialmente alti.

Ma i guai di Google nel Vecchio Continente non si fermano qui. Su Google pende il verdetto sul video del cyber bullismo (che ha portato alla condanna a 6 mesi di carcere a tre dirigenti di Google): una sentenza che sembra introdurre il principio di responsabilità per i provider.

Peter Fleischer, l’esperto per la Privacy di Google, uno dei 4 condannati, ha commentato: “La legge europea stabilisce il principio di segnalazione e rimozione di contenuti illeciti. Ed è ciò che abbiamo fatto“. Ma per il giudice Oscar Magi del Tribunale di Milano, non è stato sufficiente.

Sempre in Italia sulla testa (virtuale) di Google pendono anche altre spade di Damocle. Google è infatti sotto pressione in Italia per una causa sul copyright intentata da Mediaset contro YouTube (l’azienda di famiglia del Premier Silvio Berlusconi ha chiesto un risarcimento da mezzo miliardo di dollari) e per via di Google News (sotto la lente dell’Antitrust italiano)

Il “caso Google” è un terremoto nella Net economy (già scossa dalla bufera Tlc su Fastweb e Telecom Italia Sparkle) e nel mondo della cultura digitale italiana.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore