Google parteciperà all’asta frequenze wireless

Aziende

Il motore di ricerca conferma di voler diventare operatore di telefonia mobile

Dopo mille indiscrezioni degli scorsi mesi , Google ha confermato che parteciperà all’asta per le frequenze USA dei 700 MHz.

Google, già entrato nella telefonia mobile come sviluppatore della piattaforma open source Google Android , potrà diventare o peratore mobile a tutti gli effetti. Lo rivela The Inquirer .

Il Ceo di Google Eric Schmidt pensa che gli utenti consumer vogliano più innovazione e competizione nel mercato wireless.

Google, che ha preparato 4.6 miliardi di dollari per l’affare, ha mostrato una mappa delle frequenze messe all’asta dalla FCC, all’interno del range 698-806MHz, reso possibile negli Usa dal passaggio dalla Tv analogica al digitale: i blocchi C e D sono i più interessant i, ma a Google fa a gola il blocco C che copre un totale di 22 MHz (divisi su due tronconi da 11MHz ciascuno) sfruttabili a scopi commerciali su tutti gli Stati Uniti.

Google vuole entrare nell’autostrada della Rete su connessione wireless e rendere il mercato telefonia mobile degli Usa più simile ai mercati asiatici e europei. E Google Android potrà rappresentare il cavallo di Troia per conquistare il mercato. A Google non interessa solo avere un proprio network, ma anche poterne guidare lo sviluppo tecnologico: lo rivela News.com .

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore