NOTIZIE

Google+ aggiunge Eventi e History API

Google+ raddoppia gli utenti e fa il restyling

Nuovo look per Google+. Google afferma che 170 milioni sono gli utenti del social network delle cerchie

Google rinfresca il social network. Google+ cerca di colmare le distanze con i social network rivali, Twitter e Facebook. Il motore di ricerca ha introdotto i “trending topic”, i temi di tendenza, e le immagini di copertina, oltre a un menu “dnamico” di navigazione. Google afferma che 170 milioni di utenti hanno effettuato l’upgrade al social network. Gli utenti di Google+ sono raddoppiati rispetto agli 80 milioni di gennaio. Ma i critici rispondono che con pochi minuti al mese su Google+, il motore di ricerca sta perdendo la guerra contro Facebook, il social media da 845 milioni di utenti. Il nuovo look di Google+ include  “ribbon” personalizzabili di bottoni, nel lato a sinistra dello schermo, in basso. C’è più spazio per le immagini e arrivano i feed dei contenuti popolari su Google+.

Vic Gundotra  esprime soddisfazione per il restyling di Google+, ma Google è stata criticata per non aver avvisato del nuovo look. Il raddoppio degli utenti di Google+ viene però spiegato così da Miranda Miller di Search Engine Watch: “A gennaio Google ha reso la creazione di un account Google+ obbligatorio quando si iscrivono ad altri servizi di Google”.

  • Conoscete il mondo dei social network, Twitter, Facebook e Google+? Misuratevi con un QUIZ!
Google+ raddoppia gli utenti e fa il restyling

Google+ raddoppia gli utenti e fa il restyling

ITespresso
Autore: ITespresso
ITespresso ITespresso ITespresso

I contenuti di Itespresso.it sono disponibili su Google Currents: iscriviti adesso!

Commenti




0 Commenti su Google+ raddoppia gli utenti e fa il restyling

Lascia un Commento

  • I campi obbligatori sono contrassegnati *,
    L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>